Crema, senza mascherina al supermercato: scatta maxi-rissa/ Video: “Botte col cric”

- Mirko Bompiani

Arrivano al supermercato senza mascherina, vengono redarguiti e innescano una rissa: caos in un supermercato di Crema, il video diventa virale.

crema
(Le Iene)

Crema sotto choc per il video che sta circolando in queste ore. Maxi rissa in un noto supermercato della località lombarda, una lite nata per il mancato rispetto delle misure di sicurezza. Come riportato da numerose testate, basti pensare a Le Iene, due uomini avrebbero originari dell’Est Europa avrebbero dato vita alla rissa dopo essersi rifiutati di indossare la mascherina, fondamentale per evitare il contagio da coronavirus. Grazie ai video diffusi sui social network è possibile constatare la violenza dei due clienti nei confronti degli uomini della sicurezza, tra cestelli lanciati e l’utilizzo di un cric. Tg Com 24 spiega che si è reso necessario l’intervento delle forze dell’ordine per bloccare i due malintenzionati.

Crema, senza mascherina al supermercato: scatta maxi-rissa

Come dicevamo, il video registrato da lavoratori e clienti del supermercato ha fatto il giro del web e sul caso di Crema è arrivato il commento di Cobas. Il rappresentante Francesco Iacovone ha spiegato: «Questo è quanto accade nei luoghi del commercio tutti i giorni e milioni di lavoratori restano esposti al rischio di contagio e alla possibilità di aggressione da parte dei negazionisti della pandemia. Non c’è piu’ tempo: le segnalazioni dei lavoratori hanno frequenza ormai quotidiana e il rischio di contagio, sommato a quello di aggressione, devono essere contenuti dalle istituzioni di questo Paese». E ancora: «La retorica degli eroi, quelli in prima linea durante il lockdown, non serve per lavorare in serenità. Servono invece contingentamenti agli ingressi, mascherine e controlli stringenti. Oltre alla crisi sanitaria siamo di fronte a un vero e proprio problema di ordine pubblico che deve essere affrontato con vigore dal governo, attraverso i Ministri competenti e i Prefetti».

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA