CRISTIANA CIACCI, FIGLIA LITTLE TONY/ “Anoressia? Mamma provò a togliersi la vita..”

- Stella Dibenedetto

Cristiana Ciacci e la lotta contro l’anoressia. La lunga battaglia della figlia di Little Tony iniziata per il desiderio di perdere qualche kg.

cristiana ciacci domenica in 640x300
Cristiana Ciacci

Cristiana Ciacci ha affrontato lunghi anni ricchi di dolore a causa dell’anoressia. “Papà non mi capiva perché lui le malattie dell’anima non le concepiva. Non mangiavo e quindi era colpa mia, ma credo lo dicesse perché era inconsapevole di affrontare questo argomento. Ne ho sofferto per 12 anni. Avevo anche i bambini e cercavo di farmi forza con loro, ma non mi sono bastati. Poi, dopo la morte di papà, incinta della quarta bambina, ho capito di dover riprendere in mano la mia vita”, racconta Cristiana. Il momento buio di Cristiana inizia con la morte della madre.Mia mamma ha provato a togliersi la vita e mi ha incolpata di non esserci riuscita. Quando ha saputo che doveva morire, ha detto che voleva farlo senza soffrire. Io, invece, le ho chiesto di curarsi pur di averla un giorno in più, ma questo è stato un atto di egoismo da parte mia. Lei, per accontentarmi, ha deciso di operarsi e quando il suo corpo ha cominciato a distruggersi e ha provato a togliersi la vita senza riuscirci, mi ha incolpata di non averle permesso di morire come voleva”, dice ancora non trattenendo la commozione (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

Cristiana Ciacci e la lotta contro l’anoressia

Cristiana Ciacci ha combattuto per molti anni contro l’anoressia. Per la figlia di Little Tony è stato un incubo iniziato con il desiderio di perdere solo qualche kg, ma poi la situazione è precipitata. “Ma forse una predisposizione c’è, dalle radici della solitudine e dalla sofferenza, la dieta è solo un motivo scatenante. Volevo perdere pochi chili e poi ho perso il controllo, il cibo era un pensiero costante tutto il giorno e più riuscivo a evitarlo e più ero soddisfatta, raccontò a Storie Italiane Cristiana nel 2019. Una malattia che non è stata accettata subito dal padre causando anche divergenze tra loro. “Papà non ha mai voluto accettare la mia malattia. Avrebbe voluto che fossi cittadina del mondo, libera e felice. Lui vedeva la mia vita come fosse sprecata per come la intendeva lui, voleva divertimento e poche responsabilità”, raccontò ancora ad Eleonora Daniele. Divergenze che sono poi venute meno.

Cristiana Ciacci e il dolore per la morte dei genitori

Cristiana Ciacci, la figlia di Little Tony che ha deciso di raccontare la vita del padre e il suo rapporto con lui nel libro “Mio padre Little Tony” è tra gli ospiti della puntata del programma di Serena Bortone “Oggi è un altro giorno”, in onda oggi, lunedì 7 giugno. Nata dal matrimonio tra Little Tony e Giuliana Brugnoli, morta per un tumore nel 1993, Cristiana ha avuto una vita complicata a causa dell’anoressia contro cui ha dovuto combattere per tantissimi anni. Cristiana è riuscita a sconfiggere l’anoressia e a realizzarsi come donna e come madre. Oltre a lavorare, infatti, è riuscita a formare una splendida famiglia diventando mamma di cinque figli. Oggi, però, senza i genitori, sente la mancanza di sentirsi figlia. “Mi manca il sentirmi figlia. Ho cinque figli meravigliosi, ma mi manca poter ricevere una telefonata in cui una mamma o un papà ti chiede “come stai, “che ti è successo, racconta. sono orgoglioso di te“, ha raccontato in una lunga intervista rilasciata a Domenica In nella puntata trasmessa il 30 maggio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA