CRISTIANO MALGIOGLIO/ “I foruncoli hanno cambiato la mia vita. De Filippi? Vorrei…”

- Dario D'Angelo

Cristiano Malgioglio intervistato da Tv Sorrisi e Canzoni si racconta tra passato, presente e futuro: “Da ragazzo? Mi sentivo un mostro. Ora il mio sogno..”

cristiano malgioglio da noi a ruota libera 640x300
Cristiano Malgioglio

Cristiano Malgioglio si racconta in un’intervista a tutto campo a Tv Sorrisi e Canzoni. Si parte dall’infanzia, il sogno di diventare ostetrico, poi l’amore per la musica che sboccia a Genova, frequentando artisti come Luigi Tenco, Umberto Bindi e Fabrizio De Andrè. Ed è proprio a quest’ultimo che Malgioglio riconosce il merito di aver creduto in lui e nel suo talento prima degli altri: “Grazie a lui ho firmato il primo contratto con una casa discografica. Io, in compenso, gli ho presentato il suo grande amore, la mia cara amica Dori Ghezzi“. Malgioglio ricorda gli anni in cui “d’estate per guadagnare qualche soldino smistavo i telegrammi vicino a Nervi, dove abitava Gino Paoli, perché speravo di incontrarlo. Che periodo orribile, ho sofferto tanto. Avevo l’acne, mi sentivo un mostro. I foruncoli hanno cambiato il mio destino. Per colpa di un foruncolo fui scartato ad un provino con Federico Fellini per il film ‘E la nave va’. Mi aveva visto cantare in tv e voleva incontrarmi. Ma avevo un grosso foruncolo sulla guancia, mi sentivo osservato. E feci scena muta“.

CRISTIANO MALGIOGLIO: “VORREI FARE AMICI…”

Non solo passato nell’intervista concessa da Cristiano Malgioglio a Tv Sorrisi e Canzoni. Il cantante ha parlato anche dei suoi progetti futuri: “Devo molto ai reality che mi hanno dato una nuova popolarità. Così come è stato divertente commentare con Gabriele Corsi l’Eurovision Song Contest, che rifarei. Certo, se mi chiamasse Maria De Filippi come coach ad ‘Amici’ accetterei subito. Intanto, in attesa di realizzare il sogno proibito di recitare con Pedro Almodòvar e Ferzan Ozpetek, farò una piccola cosa al cinema nel nuovo film di Giampaolo Morelli. Ma la precedenza la do alla musica: devo ringraziare Lorenzo Suraci che ha insistito perché tornassi a cantare. I miei non sono tormentoni, c’è sempre un’idea dietro. E poi c’è il ritmo latino, per farvi ballare tutti“. Poi una battuta finale: “Per quale collaborazione mi strapperei i capelli? Per Jennifer Lopez. La a-do-ro!“.



© RIPRODUZIONE RISERVATA