METEO/ Milano e Lombardia: la situazione neve aggiornata alle 17:00

- La Redazione

L’aumento delle temperature ha diminuito le difficoltà di circolazione sulla viabilità principale. Bene anche gli aeroporti

neve2_spazzaneveR375_28nov08

METEO MILANO E LOMBARDIA – L’aumento delle temperature ha diminuito le difficoltà di circolazione sulla viabilità principale e torna alla normalità anche la situazione negli aeroporti ma in quota si segnala il rischio valanghe. È quanto fa sapere la Sala Operativa della Protezione Civile della Regione Lombardia, la cui attività è coordinata dall’assessore Stefano Maullu.

AEROPORTI – Scali di Malpensa e Linate: le piste sono libere dalla neve, terminate le operazioni di de-icing. Ritardo medio dei voli stimato in 2 ore in entrambi gli aeroporti. Il numero di passeggeri bloccati è in diminuzione. Presso lo scalo di Orio al Serio la situazione è tornata alla normalità.

TRENI – Trenitalia: risolti tutti i problemi riguardanti le linee elettriche, permangono comunque gravi ritardi (fino a 3-4 ore) in tutte le tratte. Ferrovie Nord: situazione sta tornando alla normalità, si segnalano lievi ritardi. Si consiglia ai cittadini di non mettersi in viaggio nelle prossime ore per evitare lunghe ore di attesa nelle stazioni.

VALANGHE – Si segnalano due slavine nei Comuni di Cusio e di Ardesio (frazione Ludrigno) in provincia di Bergamo. La prima slavina ha interessato la strada di accesso agli impianti sciistici del Monte Avaro; il transito è già stato ripristinato ma permane una situazione di pericolo.

È stato emesso un avviso di "Moderata criticità" per rischio valanghe a partire dalla mezzanotte di oggi fino alla stessa ora di domani 24 dicembre sulle province di Bergamo, Brescia, Como, Lecco, Sondrio e Varese.

 

Le temperature sono attualmente in risalita e si porteranno sopra lo zero anche in pianura. Sono attese precipitazioni, a partire dal pomeriggio, diffuse su tutta la Regione. Il Centro Funzionale Monitoraggio Rischi ha emesso un aggiornamento dell’avviso di criticità per rischio neve su Alpi e Prealpi al di sopra dei 1200 metri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori