TERREMOTO MARCHE/ Terremoto nelle Marche di magnitudo 4 e scosse di assestamento in provincia di Ascoli Piceno e Macerata

- La Redazione

Dopo il forte terremoto di magnitudo 4 avvenuto oggi alle ore 09:25 tra Ascoli Piceno e Macerata nelle Marche, si sono verificate due scosse di assestamento di magnitudo 2.6

SismografoR375-1

TERREMOTO MARCHE – Dopo il forte terremoto nelle Marche di magnitudo 4 avvenuto oggi alle ore 09:25 tra Ascoli Piceno e Macerata, si sono verificate due scosse di assestamento di magnitudo 2.6 a pochi minuti di distanza: la prima alle 9:35, mentre la seconda alle 9:48. La scossa più forte del terremoto nelle Marche è stata preceduta da una di entità più debole (magnitudo 2.9) alle ore 9:07. Il terremoto nelle Marche è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia nel distretto sismico di Ascoli Piceno.

La protezione civile delle Marche ci ha confermato che non ci sono stati danni a cose o persone. I comuni entro 10 km dall’epicentro del terremoto sono situati in provincia di Ascoli Piceno (Falerone, Massa Fermana, Montappone, Motegiorgio, Monte Vidon Corrado e Servigliano) e di Macerata (Colmurano, Gualdo, Loro Piceno, Mogliano, Penna San Giovanni, Ripe San Ginesio, San Ginesio, Sant’Angelo in Pontano e Urbisaglia).

PER LEGGERE L’ELENCO DEGLI ALTRI COMUNI IN PROVINCIA DI ASCOLI PICENO E MACERATA INTERESSATI DAL TERREMOTO NELLE MARCHE CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO

I comuni situati a una distanza compresa tra i 10 e i 20 km dall’epicentro del terremoto sono situati in provincia di Ascoli Piceno (Amandola, Belmonte Piceno, Comunanza, Force, Francavilla D’Ete, Grottazolina, Magliano di Tenna, Monsampietro Morico, Montefalcone Appenino, Monteleone di Fermo, Montelparo, Monte Rinaldo, Monte San Pietrangeli, Montottone, Ortezzano, Rapagnano, Santa Vittoria in Matenano e Smerillo) e in provincia di Macerata (Belforte del Chienti, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo, Corridonia, Macerata, Monte San Giusto, Monte San Martino, Petriolo, Pollenza, Sarnano, Tolentino e Treia).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori