LODO ALFANO/ Berlusconi: non mi interessa. Chiederò che venga ritirato

- La Redazione

Intervistato da Il Corriere della Sera, Silvio Berlusconi rivela di non essere interessato al Lodo Alfano e che ne chiederà il ritiro.  

BerlusconiFestaPdlR400
Silvio Berlusconi (Imagoeconomica)

Intervistato da Il Corriere della Sera, Silvio Berlusconi rivela di non essere interessato al Lodo Alfano e che ne chiederà il ritiro.

In seguito alle profonde perplessità espresse da Giorgio Napolitano in merito al Lodo Alfano, Berlusconi dichiara di poterne fare tranquillamente a meno: «Non cambia nulla con l’intervento del Presidente della Repubblica. A questo punto io chiederò che quella legge costituzionale venga ritirata», afferma, spiegando che «porta con sé un meccanismo farraginoso per l’approvazione e in questo modo serve soltanto a dare fiato alle polemiche strumentali dell’opposizione». Il premier, poi, sottolinea come la legge non si stata una sua iniziativa, ma « una proposta del mio partito. Io non sono più interessato a portarla avanti.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

Non voglio che si dica che faccio leggi “ad personam” leggi vergogna». E sulle vicende giudiziarie dalle quali il Lodo avrebbe dovuto salvaguardarlo finché rimane al governo commenta: «Altro che leggi vergogna. Sono sedici o diciassette anni che vengo perseguitato dai magistrati per fatti già chiariti. Ho giurato sui miei cinque figli e sui miei nipoti che non sono responsabile di nessuno dei fatti che mi vengono attribuiti». La riforma della Giustizia, in ogni caso, «è un progetto che mi interessa e che non si fermerà, ma ripeto: senza il Lodo, che invece verrà ritirato».

Leggi anche: SCENARIO/ 2. Se Fini punta sul “berluschino” Albertini per prendersi Milano…, di M. Alfieri

 

Leggi anche: WHY NOT/ Nessuna prova,150 indagati,9 milioni buttati: non era la “madre di tutte le inchieste”?, di F. Laratta

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori