PROF VS ALUNNO/ Padova, un docente schiaffeggia e morde sul collo uno studente: è guaribile in 20 giorni

 Un docente ha morso sul collo uno studente procurandogli una ferita guaribile in venti giorni

09.10.2010 - La Redazione
carabinieriR400
Immagine d'archivio

– Un docente ha morso sul collo uno studente procurandogli una ferita guaribile in venti giorni

Un aula dell’Itis «Cardano» di Piove di Sacco (Padova) trasformata in un arena, teatro di una rissa tra uno studente e un docente. E’ accaduto il 19 maggio scorso, a poco meno di un mese dalla conclusione delle elezioni. A.M., 37 anni, originario di Catanzaro, noto per non aver mai imposti ai suoi alunni una ferrea disciplina, si è ritrovato in un contesto che neanche lui poteva più tollerare. Durante le interrogazioni per lo scrutinio finale, gli studenti parlano, ascoltano la musica. Il prof no ne può più, li richiama all’ordine. Uno di loro, con aria di sfida si mette a passeggiare per la classe con le cuffie. Il docente lo minaccia di colpirlo con una sberla se non si siede. Il ragazzo risponde provocandolo e A. M. gliela tira effettivamente, sul collo.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

 
E’ a quel punto che i due prendono ad azzuffarsi, mandando all’aria i banchi e le sedie. Gli altri ragazzi assistono, finché il prof non prende alle spalle il suo “avversario”, e lo morde sul collo, causandogli una ferita dichiarata guaribile dai medici del Pronto Soccorso in 20 giorni. Solo allora io due vengono divisi. Il ragazzo è furioso, viene trattenuto dai compagni. Arrivato a casa racconta immediatamente il fatto alla madre che fa scattare la denuncia ai carabinieri. Ora il docente rischia un processo con l’accusa di lesioni personali e abuso dei mezzi di correzione o disciplina, e ha venti giorni per presentare una memoria difensiva.

 

 

Leggi anche: SARAH SCAZZI/ Lo zio assassino ora sogna la nipote tutte le notti. «Mi dice “Coprimi, ho tanto freddo”»

Leggi anche: TERREMOTO CALABRIA/ Scossa di magnitudo 2,3 in provincia di Cosenza

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori