SARAH SCAZZI/ Lo zio: L’avevo già molestata in precedenza. Oggi i funerali

- La Redazione

Sarah Scazzi, lo zio rivela: «L’avevo già toccata un’altra volta». Lo ha detto lui, Michele Misseri, lo zio assassino, che ha confessato di aver ucciso la nipote

sarahscazzi_R400
Sarah Scazzi

SARAH SCAZZI – Sarah Scazzi, lo zio rivela: «L’avevo già toccata un’altra volta». Lo ha detto lui, Michele Misseri, lo zio assassino, che ha confessato di aver ucciso la nipote, Sara Scazzi, 15 anni, e di aver poi anche abusato del corpo senza vita. Come scrive Bepi Castellaneta su il Giornale, l’uomo è stato interrogato dal gip del tribunale di Taranto, Martino Rosati, nel corso dell’udienza di convalida del fermo, e ha ammesso di aver molestato Sarah Scazzi anche in passato.

Un sospetto che si stava facendo strada tra gli inquirenti anche dopo le dichiarazioni del fratello della vittima, Claudio, il quale due giorni fa disse che la sorella si era lamentata dell’atteggiamento dello zio parlandone con la cugina, Sabrina. E adesso inevitabilmente si aprono nuovi scenari nelle indagini sulla tragica fine di Sarah Scazzi. Michele Misseri ieri ha confermato quanto aveva già detto mercoledì sera, quando aveva confessato l’omicidio di Sarah Scazzi dopo dieci ore di interrogatorio nella caserma dei carabinieri: «Mi ha respinto e l’ho strangolata», ha ripetuto.

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SU SARAH SCAZZI
 

 

 

SARAH SCAZZI – Ma nel racconto sono affiorate alcune incongruenze «soprattutto quando parla – spiega il suo avvocato, Daniele Galloppa – del momento in cui ha compiuto l’omicidio di Sarah Scazzi. Oggi in qualche circostanza ha detto anche di non ricordare. Non posso escludere novità e colpi di scena – aggiunge – e la mia idea è che la verità su Sarah Scazzi debba essere chiarita in molti punti».
 

La mamma di Sarah Scazzi, Concetta Serrano Spagnolo, è arrivata stamane alla camera ardente per la figlia. In quel preciso momento la zia e la cugina sono uscite. La moglie e la figlia dell’assassino, Cosima Spagnolo e Valentina Misseri, rispettivamente zia e cugina di Sarah Scazzi, erano arrivate tra i primi alla camera ardente. Anche i compagni di scuola di Sarah Scazzi hanno reso omaggio alla salma della ragazza. Alle 15.30 i funerali nel campo sportivo comunale.
 

Intanto, all’indomani della convalida del fermo di Misseri, lo zio di Sarah Scazzi, ci sarebbero ancora zone d’ombra nella ricostruzione dei fatti da lui fornita agli inquirenti, che non escludono ulteriori sviluppi nell’inchiesta. Al vaglio degli investigatori sono le differenti versioni fornite da Misseri, che avrebbe anche ammesso di aver molestato Sarah Scazzi pochi giorni prima dell’omicidio.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori