PAPA/ Procreazione assistita e eutanasia contrarie alla giustizia sanitaria

- La Redazione

 Benedetto XVI ha parlato di alcune tecniche sanitarie definendole contrarie alle giustizia umana.

benedettoxvi_papa_ppiano1R400
Foto Imagoeconomica

Benedetto XVI ha parlato di alcune tecniche sanitarie definendole contrarie alle giustizia umana.

Il Papa, senza mezzi termini, ha detto che le tecniche improntate alla «cosiddetta “salute riproduttiva”, con il ricorso a tecniche artificiali di procreazione comportanti distruzione di embrioni», o alla «eutanasia legalizzata», «feriscono» e sono contrarie alla «giustizia sanitaria». Ratzinger ha espresso il giudizio della Chiesa sull’argomento in occasione del suo discorso ai partecipanti alla 25esima Conferenza internazionale per gli operatori sanitari. «La giustizia sanitaria deve essere fra le priorità nell’agenda dei Governi e delle Istituzioni internazionali», ha aggiunto, ribadendo che «l’amore alla giustizia, la tutela della vita dal suo concepimento al termine naturale, il rispetto della dignità di ogni essere umano, vanno sostenuti e testimoniati, anche controcorrente: i valori etici fondamentali sono patrimonio comune della moralità universale e base della convivenza democratica».

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

Il Pontefice, poi ha sottolineato come certe prassi opposte rappresentino un triste paradosso: «Nella nostra epoca dice – si assiste da una parte ad un’attenzione alla salute che rischia di trasformarsi in consumismo farmacologico, medico e chirurgico, diventando quasi un culto per il corpo, e dall`altra parte, alla difficoltà di milioni di persone ad accedere a condizioni di sussistenza minimali e a farmaci indispensabili per curarsi». Secondo il papa, «purtroppo, ancora oggi permane il problema di molte popolazioni del mondo che non hanno accesso alle risorse necessarie per soddisfare i bisogni fondamentali, in modo particolare per quanto riguarda la salute. E’ necessario – conclude – operare con maggiore impegno a tutti i livelli affinché il diritto alla salute sia reso effettivo, favorendo l`accesso alle cure sanitarie primarie». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori