MALTEMPO/ La situazione meteo in Italia: neve al nord, autostrade aperte, collegamenti con le isole interrotti

- La Redazione

La situazione del maltempo su tutta la penisola

nevemilano_R400

Pioggia, neve e freddo. E’la situazione in gran parte della penisola a partire da oggi, situazione che dovrebbe durare fino al weekend. Milano si è svegliata sotto una nevicata abbastanza intensa ma che non riesce ad attaccare sulle strade, fortunatamente-.

Acqua alta a Venezia, anche fino a 120 centimetri, mentre il Tevere è in piena a Roma già da ieri sera. Nevica in gran parte del nordovest anche a bassa quota, ma la società Autostrade per l’Italia comunica che tutta la rete, circa 1500 chilometri, è percorribile senza problemi. In particolare le nevicate sono state più evidenti in questi tratti: A5 Aosta-Monte Bianco e A6 Torino-Savona, dove nel tratto tra Ceva e Millesimo è attivo il dispositivo di blocco dinamico dei mezzi pesanti. Moderatele precipitazioni nevose sulla A7 Genova-Serravalle, la A26 Genova Voltri-Gravellona Toce, la A8 Milano-Varese, la A9 Lainate-Chiasso, la A4 Milano-Brescia, la A1 Milano-Napoli, nel tratto tra Milano e Parma, e la A23 Udine-Tarvisio.

Per informazioni prima di mettersi in viaggio, chiamare il Centro Multimediale, al numero 840 04 2121, oppure consultare il sito internet www.autostrade.it. Consigliate anche le catene a bordo o pneumatici invernali. Vediamo la situazione regione per regione. In Valle d’Aosta è segnalato pericolo valanghe. Il sito del TgCom fa questa precisa segnalazione: per tutta la notte ha nevicato in Valle d’Aosta e altre precipitazioni sono attese in giornata. Al momento non sono segnalati problemi di viabilità, ad eccezione del traforo del Monte Bianco dove i mezzi pesanti diretti in Francia non possono transitare causa neve e pertanto alcune centinaia di tir sono bloccati all’area di regolazione di Quart, alle porte di Aosta.

La nevicata è stata più intensa nel settore nord-occidentale. A 2.000 metri di quota sono caduti 30 centimetri nella zona del Monte Bianco, 15 nelle valli del Gran Paradiso, 20 nel settore sud-orientale. Nel fondo valle (Aosta compresa), infine, sono caduti circa 10 centimetri di neve. La precipitazione nevosa dovrebbe riprendere in giornata, sopra i 500 metri di altitudine. Un miglioramento è previsto solo tra giovedì e venerdì. Il pericolo valanghe è ”marcato” nel settore nord-occidentale.

Nelle Marche la strada statale 76 è stata chiusa a causa dello straripamento del fiume Esino all’altezza di Genga (Ancona). Sul posto la polizia stradale e i vigili del fuoco. Il traffico è stato deviato con uscita obbligatoria a Serra San Quirico, per chi è diretto a Roma, e a Camponocecchio per chi viaggia verso Ancona. A Passo di Ripe, sempre in provincia di Ancona, è stato evacuato a scopo precauzionale l’asilo nido ”La tana del folletto”, che si trova vicino al torrente Nevola, ingrossato dalla pioggia.

In provincia di Bergamo si segnalano le nevicate più fastidiose. Nevica con insistenza. Il traffico è di conseguenza difficoltoso un po’ ovunque, in particolare lungo la strada provinciale della Valle Seriana, in direzione del capoluogo. Voli regolari invece all’aeroporto di Orio al Serio (Bergamo), dove si registrano solo alcuni ritardi per consentire le operazioni di sghiacciamento degli aeromobili. Secondo le previsioni meteo la neve dovrebbe continuare a cadere per tutta la giornata. Sono stati poi interrotti i collegamenti con le isole dalla Sicilia.

Forte vento di scirocco crea mare mosso: interrotti i servizi tra Milazzo e le Eolie e tra Palermo e Ustica, mentre non sono state raggiunte né Pantelleria né Lampedusa e Linosa perché i traghetti che avrebbero dovuto salpare sono rimasti ormeggiati a Trapani e a Porto Empedocle. Anche tra Trapani e le Egadi i servizi non sono regolari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori