PAPA/ Dai falsi profeti solo vuoto e distruzione

- La Redazione

Il Papa, nel corso dell’omelia durante la messa nella parrocchia di San Massimiliano Kolbe, ha parlato dei falsi profeti e della fedeltà coniugale

Il Papa, nel corso dell’omelia durante la messa nella parrocchia di San Massimiliano Kolbe, ha parlato dei falsi profeti e della fedeltà coniugale.

«Sono venuti tanti falsi profeti, ideologi, dittatori dicendo “siamo noi che abbiamo cambiato il mondo”. Ma dalle loro dittature, da queste promesse, è venuto solo un grande vuoto e distruzione. E oggi sappiamo che non erano loro»

Così, Papa Benedetto XVI si è rivolto ai fedeli presenti nella parrocchia di San Massimiliano Kolbe a Roma, esortandoli a ricordare che «Cristo non ha fatto rivoluzioni cruente». Il Papa, poi, ha ribadito:

«non è la violenza la vera rivoluzione che cambia il mondo, ma la silenziosa luce della verità, è il segno della presenza di Cristo che ci dà certezza che siamo amati e non siamo il prodotto del caso ma di una volontà di amore».

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

 

Rispetto e integrazione per chi viene da altri Paesi: è un altro dei temi affrontati dal Papa che, ai parrocchiani presenti, ha detto:

 

«Negli anni passati sono venute nella vostra comunità tante persone provenienti da altre regioni per cercare lavoro, ora arrivano persone venute dall’Europa dell’Est e da altri paesi. Sforzatevi di crescere nella comunione con tutti, è importante per creare occasioni di dialogo e favorire reciproca comprensione tra persone provenienti da culture e condizioni sociali differenti. Bisogna coinvolgere gli altri nella vita cristiana con una pastorale attenta ai bisogni di ciascuno: è necessario partire dai vicini per giungere fino ai lontani».

 

Un pensiero speciale, poi, è andato alla famiglie e – in particolare – agli sposi. Ratzinger ha auspicato, infatti che «non cessino di essere fedeli al sì che hanno pronunciato nel giorno del matrimonio: la vostra vocazione richiede coraggio e sacrificio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori