SANTO DEL GIORNO/ 12 dicembre: Beata Vergine Maria di Guadalupe

- La Redazione

La Chiesa cattolica celebra oggi la Beata Vergine Maria di Guadalupe, apparsa ad un povero indio di nome Juan Diego il 9 dicembre del 1531

mariadiguadalupemantelloR400
Il mantello su cui è impressa l'immagine della Vergine Maria

La Chiesa cattolica celebra oggi la Beata Vergine Maria di Guadalupe, apparsa ad un povero indio di nome Juan Diego il 9 dicembre del 1531, nei pressi di Città del Messico. Secondo la tradizione, mentre l’uomo stava attraversando la collina di Tepeyac, venne attratto dalla visione di una Donna che lo chiamò per nome. Gli disse di essere «la Perfetta Sempre Vergine Maria, la Madre del verissimo ed unico Dio», ordinandogli di recarsi dal vescovo perché venisse eretto un santuario ai piedi della collina in suo onere. L’indio obbedì, ma il vescovo non volle credergli.

La vergine, gli apparve nuovamente, sulla strada del ritorno. Juan Diego le chiese di essere esonerato dal compito, di non ritenersi degno, ma la Madonna ribadì il suo desiderio. Di nuovo dal vescovo, questi gli chiese un segno tangibile di quanto andava raccontando. Maria apparve ancora una volta a Juan Diego, sul Tepeyac, promettendo, per l’indomani, il segno richiesto.

Il giorno dopo, tuttavia, il veggente fu costretto a rimanere accanto ad uno zio gravemente malato e non ebbe modo di recarsi sulla collina. Il 12 dicembre, mentre stava andando in cerca di un sacerdote per lo zio ormai moribondo, la Madonna gli apparve ugualmente, per la quarta e ultima volta, lungo la strada. Gli rivelò che lo zio era guarito, e che sulla collina avrebbe trovato il segno richiesto: fiori di Castiglia, nati fuori stagione in una pietraia.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

 

Ne raccolse un mazzo in un mantello e, seguendo le indicazioni della Vergine li portò al vescovo. Di fonte a lui, e ad altre sette persone aprì il mantello per mostrarne il contenuto. Ma, in quell’istante, sulla tilma (così era chiamato quel tipo di mantello) si impresse, rendendosi manifesta, l’immagine della Vergine Maria. Immediatamente il vescovo e i presenti si inginocchiarono, mentre la mattina dopo Juan Diego lo accompagnò sul luogo in cui Maria chiese di erigere il santuario.

 

Il mantello venne collocato nella cattedrale, ed è oggi conservato nella Basilica di Nostra Signora di Guadalupe, e venerato al pari della Sindone. L’effige impressa interroga la scienza, dal momento che non consiste in un dipinto, né in un incisione. Non è, al contempo, attribuibile ad una mano umana. Ingrandendo a dismisura la pupille dell’immagine, con sofisticate apparecchiature, poi, gli scienziati hanno rilevato l’immagine riflessa di numerose persone. Il Santuario di Nostra Signora di Guadalupe, con oltre 20 milioni di pellegrini all’anno, è il luogo di culto più importante di tutto il Sudamerica.

Il veggente Juan Diego è stato proclamato santo nel 2002, da Giovanni Paolo II, ed il suo culto si celebra il 9 dicembre, giorno della prima apparizione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori