WIKILEAKS ITALIA/ L’azienda Gsk negli elenchi segreti per il vaccino anti-H1N1

- La Redazione

Wikileaks ha reso noto un elenco di aziende italiane che gli Stati Uniti considerano vitali per i loro interessi. Nella lista sensibile c’è la sede di Parma della multinazionale farmaceutica Glaxo Smith Kline (Gsk) che produce il Digibind (farmaco per curare i morsi di vipera)

assange_wikileaksR400
Pubblicità

WIKILEAKS ITALIA – Wikileaks ha reso noto un elenco di aziende italiane che gli Stati Uniti considerano vitali per i loro interessi. Nella lista sensibile c’è la sede di Parma della multinazionale farmaceutica Glaxo Smith Kline (Gsk) che produce il Digibind (farmaco per curare i morsi di vipera). Ricavato dagli ovini, è una polvere liofilizzata sterile che contiene anticorpi contenuti negli organismi delle pecore. E’ indicata per il trattamento delle intossicazioni da digossina in grado di provocare la morte, tra cui appunto quella legata all’avvelenamento da vipera.

Con sede centrale a Londra, la Glaxo Smith Kline è basata sulla ricerca ed è nata nel dicembre 2000 dalla fusione di Glaxo Wellcome e SmithKline Beecham. Con oltre 100mila dipendenti e un fatturato di circa 33 miliardi di euro, detiene una quota di mercato del 5,6 per cento. La ricerca e sviluppo può contare su oltre 15mila ricercatori che operano in centri di ricerca dislocati in vari Paesi tra cui Belgio, Cina, Croazia, Francia, Giappone, Italia, Regno Unito, Spagna e Stati Uniti. In Italia, dove è presente dal 1932 con il nome di Società Anonima Italiana Laboratori Glaxo, Gsk occupa oltre 3.000 dipendenti e ha la sua sede principale a Verona, dove è presente anche il centro ricerche che, con oltre 700 addetti, molti dei quali stranieri, è stato designato dal gruppo come centro di eccellenza in drug discovery per le neuroscienze. E se la sede italiana della Glaxo Smith Kline è citata nei cablogrammi Usa in riferimento al Digibind, è probabile che in realtà il motivo per cui la multinazionale è finita sotto la lente d’ingrandimento sia in realtà un’altra.

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER LEGGERE ILVERO MOTIVO PER CUI LA GSK ITALIA E’ FINITA NELL’ELENCO SEGRETO PUBBLICATO DA WIKILEAKS
 

 

 

Pubblicità

WIKILEAKS ITALIA – La Gfk infatti produce i vaccini contro l’influenza H1N1, che nell’inverno 2009 aveva fatto tremare il mondo, pur rivelandosi in seguito un bluff. E secondo il sito specializzato in-pharmatechnologist.com, grazie ai vaccini contro l’influenza suina la multinazionale farmaceutica Gfk avrebbe ricavato 3,5 miliardi di dollari in solo due mesi, tra agosto e settembre dell’anno scorso. Arrivando a rifornire 22 governi nel mondo con 440 milioni di vaccini. Sempre a Verona si trova un importante stabilimento dedicato alla produzione mondiale di antibiotici sterili (cefalosporine iniettabili). Il sito produttivo di San Polo di Torrile (Parma), si occupa invece dello sviluppo di nuovi prodotti in forma sterile e della produzione di vaccini, liquidi e liofilizzati sterili a livello mondiale. A Baranzate di Bollate (Milano) sono concentrate le attività relative ai prodotti da banco e di largo consumo.

 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULL’AZIENDA ITALIANA FINITA NELL’ELENCO DI WIKILEAKS
 

 

 

Pubblicità

WIKILEAKS ITALIA – L’unità di ricerca clinica in Italia esegue gli studi clinici sperimentali dei composti in fase di sviluppo clinico-esploratorio ed in fase di sviluppo completo o confirmatorio dei farmaci e dei vaccini. Nel 2009 sono state complessivamente gestite 74 sperimentazioni cliniche. Gsk contribuisce con le proprie ricerche alla crescita dell’Osservatorio nazionale sulla sperimentazione clinica dei medicinali dell’Aifa (Agenzia italiana del farmaco), uno strumento tecnico-scientifico che ha come obiettivo quello di garantire la sorveglianza epidemiologica sulle sperimentazioni cliniche condotte in Italia, tenendone sotto controllo nel tempo l’andamento qualitativo e quantitativo. L’OsSC si è trasformato in un vero e proprio strumento al servizio delle istituzioni e della comunità scientifica e da oggi anche del pubblico dei cittadini e dei pazienti che possono accedere direttamente ai dati e alle informazioni aggiornate sul mondo della sperimentazione clinica dei medicinali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori