FESTIVITA’ DEL GIORNO/ Oggi, 8 dicembre, si celebra l’Immacolata Concezione di Maria

- La Redazione

Oggi la Chiesa Cattolica celebra l’Immacolata concezione di Maria, dogma proclamato da Papa Pio IX nel 1854

mariaimmacolataR400
Immagine d'archivio
Pubblicità

Oggi la Chiesa Cattolica celebra l’Immacolata concezione di Maria, dogma proclamato da Papa Pio IX nel 1854 con la bolla Ineffabilis Deus, nel quale si afferma che la madre di Cristo nacque senza peccato, e ne fu preservata fino all’ultimo istante della sua esistenza.

Benché il dogma sia del 1854, il culto di Maria Immacolata, nella tradizione cattolica è antico di secoli. Già i padri orientali, nel definire Maria, erano soliti utilizzare espressioni come «bellezza dell’innocenza», «più pura degli Angioli», «germe non- avvelenato» e «immacolata».

Millenni prima, poi, l’autore del protovangelo, il testo della Genesi che anticipa la venuta di Cristo e che recita: «Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe:questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno», profetizza la sua purezza. Tra i passagi più significativi, invece, del Nuovo Testamento, il saluto dell’Arcangelo Gabriele, che la definisce «piena di grazia».

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

In Occidente, il primo a teorizzare la natura perfetta della Vergine sarà Agostino. Schiere di santi e teologi, specie nel medioevo, si occuperanno della questione; tra gli altri, Bernardo di Chiaravalle, Alessandro di Hales, Alberto Magno, Tommaso d’Aquino e Bonaventura di Bagnoreggio.

 

Pubblicità

Sarà, tuttavia, Duns Scoto, il “dottor sottile”, a dirimere una fondamentale questione: secondo numerosi teologi, l’assenza del peccato in Maria avrebbe invalidato l’azione redentrice di Cristo, e l’assenza del peccato originale in lei, avrebbe reso la redenzione non più universale. Scoto risolverà l’aporia affermando che anche Maria è stata redenta; ma secondo una modalità inedita, una redenzione preventiva, in una dimensione trascendente il tempo e lo spazio.

 

Grazie a Scoto, chiamato anche il Dottore dell’Immacolata, la dottrina mariana in questione ebbe notevoli progressi, tanto che nel 1476, Papa Sisto IV introdusse nel Calendario romano la festa della Concezione di Maria venne introdotta nel Calendario romano. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori