TRUFFE/ Arrestata la banda che si faceva consegnare la pensione dagli anziani con l’ipnosi

- La Redazione

Nelle province di Palermo e Trapani sono state eseguite tredici ordinanze di custodia cautelare dai carabinieri della Compagnia di Alcamo, nei confronti di un’organizzazione criminale esperta in truffe ai danni di persone anziane e di pensionati.

carabinieriR375_02dic08

Ancora un caso di cronaca in cui, vittime di un raggiro ad opera dei soliti lestofanti, sono stati degli anziani. Per fortuna, i malviventi son stati colti con le mani nel sacco. Nelle province di Palermo e Trapani sono state eseguite tredici ordinanze di custodia cautelare dai carabinieri della Compagnia di Alcamo, nei confronti di un’organizzazione criminale esperta in truffe ai danni di persone anziane e di pensionati.

Leggi anche: BENEVENTO/ Una bimba di 7mesi muore carbonizzata. La madre aveva dato fuoco all’auto in cui si trovava

I truffatori riuscivano a farsi consegnare ingenti somme di denaro in cambio di gioielli falsi. Per riuscire nell’intentoi truffatori facevano ricorso a tecniche ipnotiche grazie alle quali riuscivano ad indebolire le resistenze dei vecchietti, inducendoli a consegnare loro il denaro, frutto dei propri risparmi o della pensione, senza che questi si rendessero conto di quello che stavano realmente facendo.

E’ stato possibile risalire alla banda di truffatori di anziani nel corso dell’operazione Trilogy. Sono tredici, complessivamente, le persone al momento coinvolte nella truffa agli anziani con l’ipnosi. 9 di queste sono in arresto, per le altre 4 è stato chiesto l’obbligo di dimora.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO

Le dimore di alcune persone coinvolte nella truffa ad anziani e pensionati con l’ipnosi sono state perquisite, mentre i carabinieri hanno consegnato alcuni avvisi di garanzia. Tra i reati contestati alla banda specializzata in truffe agli anziani con l’ipnosi, quelli di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e sostituzione di persona.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori