VIA CRUCIS/ A Londra la Passione di Cristo sfida il pregiudizio della City

- La Redazione

È partita dalla chiesa di St Mary Moorfield, nella City di Londra, la Via Crucis proposta alla comunità cattolica del centro finanziario internazionale. Un lembo di terra pregiudizialmente anticattolico

viacrucis_londraR375

La Via Crucis a Londra è iniziata sotto un cielo grigio, gravido di pioggia. Oggi, la City di Londra, quel miglio quadrato di terreno elevato su quella che un tempo era la paludosa riva nord del Tamigi, è famosa come centro finanziario internazionale dominato da banche e compagnie di assicurazione. Per molti secoli, però, la City ha coinciso con Londra, dato che Londra si è estesa oltre i confini della città romana solo dal diciassettesimo secolo. Londra è stata sempre “speciale”. I padri medioevali della City le assicurarono diritti di libero commercio e ampi privilegi di autogoverno, anche come ricompensa per il suo ruolo di finanziatrice di diversi re inglesi. Ancora oggi, il sovrano non può entrare nella City senza l’autorizzazione del Lord Mayor di Londra, il sindaco della City.

La Via Crucis di quest’anno è partita dalla chiesa di St Mary Moorfield. Dopo la prima stazione all’interno della chiesa, è iniziata la processione guidata dalla Croce. Dietro il coro venivano una dozzina di ragazzi e poi il resto dei partecipanti, un centinaio di persone.

La City è piena di chiese storiche, un segno visibile dell’importanza del cristianesimo nella vita delle precedenti generazioni di londinesi. Da dopo la Riforma sono tutte nelle mani degli anglicani, che storicamente sono stati spesso in prima linea nel pregiudizio anticattolico della City. Tuttora i cattolici che vogliono ascoltare una messa devono andare in una delle chiese cattoliche costruite fuori dalle mura della City.

Clicca >> qui sotto per continuare l’articolo sulla via crucis di Londra

La sfiducia della City verso il “papismo” era tale che, dopo la emancipazione della Chiesa Cattolica Romana e la restaurazione della gerarchia cattolica inglese nel 1850, essa rifiutò di autorizzare la costituzione di parrocchie cattoliche dentro i suoi limiti. Solo per un cambiamento nei suoi confini moderni, la chiesa cattolica di St Mary Moorfield è rimasta casualmente inserita nel territorio della City.

Le relazioni tra cattolici e anglicani sono attualmente migliori e ci è stato quindi possibile tenere due stazioni in belle chiese messe a disposizione dagli anglicani. Un’altra stazione ha avuto luogo all’aperto, in un luogo dove sorgeva la navata di una chiesa bombardata durante la Seconda guerra mondiale. Durante la Via Crucis abbiamo visto molti cartelli con l’emblema della City e il suo motto “Domine dirige nos” (Signore guidaci), come se tutti questi luoghi si unissero alla nostra preghiera.

Mentre passavamo di fronte alla Cattedrale di St Paul, diversi turisti si sono fermati a guardarci e forse la Via Crucis li ha aiutati a ricordare lo scopo e il significato di questo imponente edificio; certamente ha aiutato noi a ricordare il significato di questo giorno e il sacrificio del Signore che ci chiama a seguirlo. Come abbiamo letto in una delle meditazioni di Don Giussani: « La croce di Cristo è l’esplosione della coscienza del male. Non possiamo dimenticare a quale prezzo siamo stati salvati, ogni giorno. Il sacrificio non è un’obiezione, neppure il peccato umano è un’obiezione, ma è piuttosto la radice della Risurrezione; è la possibilità di una vera vita».

 

 

(Marco Sinisi, Roger Sylvester, Richard Solomon)

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori