RU 486/ A Bari, stamattina, il primo ricovero in regime ordinario

- La Redazione

Come era stato annunciato, oggi Bari sarà la prima città italiana nella quale la Ru486, la pillola abortiva sarà impiegata in via ordinaria, secondo le nuove regole.

pillola_abortivaR375

Come era stato annunciato, oggi Bari sarà la prima città italiana nella quale la Ru486, la pillola abortiva, sarà impiegata in via ordinaria, secondo le nuove regole. Terminata la fase di sperimentazione, avviene oggi, nel policlinico di Bari, il primo aborto farmacologico in regime di ricovero ordinario. La Ru 486, in Italia, è stata già somministrata a 1800 donne, a 196 nella sola città di Bari. L’impiego della Ru486 in via ordinaria, è prevista anche in altri ospedali italiani.

Leggi anche: RU486/ Cari “federalisti a metà”, sulla pillola abortiva Cota e Zaia hanno ragione, di G. Amato

La donna che utilizzerà la Ru486 in regime ordinario è una ragazza di 25 anni. La paziente che utilizzerà la Ru486, assumerà la pillola non più in regime di Day Hospital, come era in uso fino a poco tempo fa, ma sarà ricoverata in ospedale per tre giorni. La donna ha dichiarato di essere disponibile ad iniziare immediatamente il trattamento con la Ru486, dopo aver compilato i moduli appositi e dopo essersi sottoposta a tutti gli accertanti medici richiesti. La paziente è la prima donna in Italia a utilizzare la Ru486 da quanto la pillola è entrata ufficialmente in commercio.

Leggi anche: RU486/ La pillola ha effetti “indesiderati”: ora sono tutti anti-abortisti, di A. Morresi

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO
 

  – Questa mattina, nel Policlinico di bari, sono arrivati altri 10 trattamenti per altrettanti ricoveri.  La Puglia, assieme a Toscana, Piemonte, Emilia Romagna, Provincia di Trento e Marche, utilizzava la Ru486 in via sperimentale, importandola dalla Francia dal novembre del 2006. Tra il 2006 e il 2009, al Policlinico,  ne sono già stati praticati circa 200 compiuti in regime di day hospital.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori