MORTALITA’ INFANTILE/ Nel mondo si è ridotta del 60 per cento

- La Redazione

La mortalità infantile nel mondo sta diminuendo. Lo rivela dell’Università di Washington a Seattle

cullaR375

La mortalità infantile nel mondo sta diminuendo. Lo rivela dell’Università di Washington a Seattle. La riduzione della mortalità infantile ammonta a 820mila bambini morti sotto i 5 anni in meno rispetto al 2008.

La mortalità infantile nel mondo sta diminuendo. Fonte della buona notizia sono le stime dell’Università di Washington a Seattle che vanno ad aggiornare le ultime fornite dall’Unicef nel 2008. Nell’edizione online della rivista The Lancet sono stati pubblicati i nuovi dati che registrano una diminuzione di 820.000 morti di bambini con meno di 5 anni rispetto al 2008. La mortalità infantile nel mondo si è ridotta complessivamente del 60% dal 1970 ad oggi, registrando una media del 2% l’anno. La ricerca finanziata dalla Fondazione di Bill e Melinda Gates ha indagato sulle statistiche di mortalità infantile in ogni parte del nostro pianeta, ha letto, verificato, confrontato dati ed interrogato istituzioni ed esperti di 187 paesi. I dati indicano che i bimbi che muoiono prima di arrivare a 5 anni di età vivevano in qualche posto dell’Africa subsahariana, un terzo nell’Asia meridionale e di tutti questi il 41% erano neonati. In 13 regioni del mondo però, comprese tutte quelle dell’Africa sub sahariana, si sono registrati progressi notevoli. 

Leggi anche: SCIOPERO TRASPORTI/ Rinviato lo sciopero di treni e mezzi pubblici previsto per venerdì 28 maggio

La Guinea Equatoriale ha il più drammatico record (con 180 bimbi morti ogni 1000 nati) seguita dal Ciad (con 169 vittime). La situazione migliore, invece, la presenta Singapore (2,5 morti per 1000 nascite) i l’Islanda (2,6). Nei paesi industrializzati si concentra appena l’1% della mortalità infantile al di sotto dei 5 anni, ma anche tra questi si riscontrano differenze significative: secondo l’Istituto per la valutazione della salute (Ihme) dell’Università di Washington Gran Bretagna e Stati Uniti distaccano notevolmente tutte le altre nazioni con 6,7 e 5,3 morti ogni 1000 bimbi nati. L’obiettivo dell’Onu per il pianeta è la riduzione di due terzi della mortalità infantile prima del 2015. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori