MILANO/ Chinatown: nuovi divieti per scarico merci e chiusura di bar e saloni massaggi

- La Redazione

Ordinanze “coprifuoco” per  via Paolo Sarpi, la Chinatown milanese. Interessano gli Internet point, i centri massaggi e i bar. Vietato lo scarico merci alla domenica

paolosarpimilano_R375

Il comune di Milano applica in via Paolo Sarpi, la Chinatown milanese, gli orari già messi in atto in via Padova. Si tratta di due ordinanze relative all’ l’obbligo di deposito dei contratti d’affitto per contrastare i dormitori abusivi e la chiusura anticipata di centri massaggio, phone center, Internet point e bar. Vengono estesi i divieti per il carico e lo scarico delle merci anche nelle strade attorno a Paolo Sarpi. “La polizia locale garantirà il rispetto delle disposizioni e la tutela della qualità della vita dei residenti” ha detto il vicesindaco Riccardo De Corato.

Pier Franco Lionetto dell’associazione cittadina “ViviSarpi” ha spiegato che il punto a cui dedicare la massima attenzione è il controllo dell’applicazione delle regole relative a orari e decreti comunali sulle attività commerciali: “Le nuove ordinanze saranno di certo utili, aspettiamo di vedere come saranno fatte rispettare”. Tra le novità del nuovo decreto comunale, il divieto totale di carico e scarico alla domenica.

CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

– Si cerca così di ridurre il commercio all’ingrosso gestito dai cinesi, a cui da anni fanno riferimento moltissimi commercianti del nord Italia. L’altra novità è l’introduzione delle nuove fasce orario di apertura delle attività, su modello di quanto fatto in via Padova, un modello che alcuni hanno definito “coprifuoco”. I centri massaggio chiuderanno alle 20, i phone center, gli Internet point e le sale gioco alle ore 22.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori