MAMMA EBE/ La santona di Carpineta e guaritrice è stata di nuovo arresta. L’accusa è di associazione a delinquere e abuso della professione medica

- La Redazione

E’ stata arrestata di nuovo mamma Ebe. Mamma Ebe è accusata di essere a capo di un sodalizio criminale, come lo hanno definito gli inquirenti.

mamma-ebeR375

E’ stata arrestata di nuovo mamma Ebe. Mamma Ebe è accusata di essere a capo di un sodalizio criminale, come lo hanno definito gli inquirenti. Si tratta di un gruppo che sarebbe dedito all’associazione a delinquere finalizzato all’esercizio abusivo della professione medica

Leggi anche: SCIOPERO MEZZI PUBBLICI/ Oggi, venerdì 11 giugno sciopero nazionale di 24 ore. Le informazioni su Roma e Milano

E’ finita di nuovo in carcere Ebe Giorgini, nota ai più come Mamma Ebe, la santona sedicente guaritrice che ha fondato l’opera di Gesù misericordioso, alla quale fa riferimento l’operazione condotta dei carabinieri. Mamma Ebe è stata arrestata dai carabinieri di Pistoia nel corso di un’operazione che ha coinvolto anche il marito e uno stretto collaboratore. La donna, di 76 anni, è accusata di essere a capo di un sodalizio criminale, come lo hanno definito gli inquirenti. Si tratta di un gruppo che sarebbe dedito all’associazione a delinquere finalizzato all’esercizio abusivo della professione medica. Nelle abitazioni gestite dall’organizzazione, si sarebbero consumat diversi rati di natura fisica e psicologica. Gli aderenti estorcevano denaro promettendo guarigioni mediante strani riti religiosi e controverse pratiche mediche.

Leggi anche: IL CASO/ Il piccolo Luca e il grande Andrea Bocelli: due storie di dono e perdono

La donna fu arrestata e condannata  nell’86, per aver sequestrato il genitore di una ragazza entrata a far parte della sua associazione. Fu arrestata nuovamente nel 2002 e condannata nel 2008 a 7 anni di carcere sempre per associazione a delinquere finalizzata all’esercizio abusivo della professione sanitaria. Con lei, anche una decina di collaboratori, il marito di 52 anni e un medico che firmava le prescrizioni per l’utilizzo di psicofarmaci.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori