PIETRO TARICONE/ Dopo lo schianto col paracadute, il popolo di Facebook lo sostiene: “Pietro il mondo intero prega per te”

- La Redazione

Pietro Taricone, dopo un gravissimo incidente con un paracadute, a Terni, versa in condizioni disperate.

taricone_smutniakR375
Pietro Taricone e Kasia Smutniak

Pietro Taricone, dopo un gravissimo incidente con un paracadute, a Terni, versa in condizioni disperate. Cristina Plevani, la vincitrice della prima edizione del Grande Fratello, ha espresso la sua vicinanza a Pietro Taricone e ai suoi cari. Intanto, tutto il popolo di Facebook sta mostrando il proprio sostegno a Taricone con messaggi di affetto e preghiere.

«Il mio pensiero va alla compagna, alla famiglia e ai fratelli, che ho conosciuto bene. È tutto il giorno che chiamo e mi hanno detto che la situazione è gravissima perchè non riescono a bloccare l’emorragia. Spero solo in un miracolo». Così, Cristina Plevani, la vincitrice della prima edizione del Grande Fratello, che in fan ricordano anche per la sua breve relazione con Taricone all’interno della Casa, ha commentato l’incidente con il paracadute accaduto in Umbria. Intanto, gli utenti di Facebook stanno esprimendo a Taricone tutto il loro affetto e sostegno. «Un vero guerriero non molla mai», scrive un utente, «daje Pietro sei un treno combatti», lo incalza un altro, mentre Marilisa scrive «Un napoletano come te non può abbandonare moglie e figlia. Ti prego combatti come hai sempre fatto. Io so cosa significa crescere senza un padre».

Leggi anche: PIETRO TARICONE YOUTUBE/ Un video dello scorso 31 dicembre mostra Taricone mentre scende col paracadute

Leggi anche: PIETRO TARICONE/ E’ in condizioni gravissime. Taricone andrà in terapia intensiva. Stato di salute gravemente compromesso

In molti, sulla pagina di Facebook di Taricone, che ha oltre 4.400 fa, lo incoraggiano ricordando che stanno pregando per lui: come Mauro, che scrive: «Pietro il mondo intero prega per te», o Paolo: «mi permetto di mettere questa foto perché so che sei devoto», «Padre Pio aiutalo».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori