CONDIZIONI COSSIGA/ Il bollettino medico di oggi, mercoledì 11 agosto

- La Redazione

Il bollettino medico sulle condizioni del Presidente emerito Francesco Cossiga, ricoverato al Gemellli di Roma

Cossiga_R375

Francesco Cossiga – Le condizioni del Presidente – Il bollettino di oggi: Francesco Cossiga, Presidente emerito della Repubblica Italiana, è ricoverato nel reparto di rianimazione del policlinico Gemelli di Roma. Ha trascorso la notte in condizioni di stabilità, la situazione permane comunque in un quadro di gravità.

Questo è il terzo giorno di ricovero per insufficienza cardiorespiratoria. Secondo il bollettino medico diramato dal reparto di rianimazione diretto dal prof. Massimo Antonelli, poco prima delle 13 la situazione appare invariata rispetto alla giornata di ieri.

Le condizioni rimangono “stabili, ma critiche” e richiedono “il mantenimento di supporti vitali”. Il fatto che la situazione sia stazionaria è comunque un passo in avanti rispettto a chi lunedì temeva che la situazione potesse precipitare da un momento all’altro.

All’interno dell’ospedale continuano a vegliare sul Presidente parenti stretti e amici. I figli Giuseppe, sottosegretario alla Difesa, Annamaria, il nipote Piero Testoni, deputato del Pdl, e Paolo Naccarato. Il prete don Claudio Papa e l’ex capo del Sismi, Niccolò Pollari.
Non mancano in questi momenti le testimonianze d’affetto della gente comune.

 

I medici hanno fatto sapere che oggi non verranno diramati altri bollettini sulle condizioni di salute di Cossiga.

Francesco Cossiga ha compiuto 82 anni il 26 luglio scorso. È stato l’ottavo presidente della Repubblica dal 1985 al 1992 dopo Pertini, il più giovane della storia della Repubblica. È stato ministro dell’interno nel Governo Andreotti III dal 1976 al 1978, quando si dimise in seguito all’uccisione di Aldo Moro. Dal 1979 al 1980 fu presidente del Consiglio dei ministri e fu presidente del Senato della Repubblica nella IX legislatura dal 1983 al 1985, quando lasciò l’incarico perché fu eletto al Quirinale. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori