VASCO ROSSI/ Valentino? E’ l’emblema della mia “Vita spericolata”

- La Redazione

Intervistato da Il Corriere della Sera, Vasco Rosis racconta del suo rapporto e della stima che nutre per Valentino Ross

vasco_rossi_R375
Pubblicità

Intervistato da Il Corriere della Sera, Vasco Rossi racconta del suo rapporto e della stima che nutre per Valentino Rossi.

«Mi ha fatto piacere. Una scuderia italiana e il pilota italiano migliore di tutti»: l’oggetto della dichiarazione è Valentino Rossi e il contratto con Ducati. Il soggetto un fan d’eccezione. Non ha tutti i vip capita, infatti, di avere tra i propri supporter un altro vip. Non tutti, in particolare, hanno tra i proprio fan il re del Rock italiano. Che, a chi gli chiede se non abbi mai pensato di farsi un giro con Valentino, vista la sua nota passione le moto, risponde: «A me piace girare in moto su per i tornanti di Pianoro o di Zocca. Ma farlo con calma, lentamente e godendomi il panorama. Per questo vado in Harley. È un po’ come andare “a cavallo. Molto diverso dalle corse spericolate che amavo una volta, quando aggredivo le curve con la mia Honda 750».

 

 Vasco continua a parlare di Valentino, e racconta del loro rapporto: «Ci sentiamo spesso con gli sms. L’ho conosciuto a Jerez durante una gara tanti anni fa quando avevo il VascoRossi RacingTeam. È una bella persona. Intelligente sensibile e gentile. Gli voglio molto bene», dice. E, se dovesse paragonarlo ad una delle sue canzoni, non ha dubbi: «Direi che va bene “Vita spericolata”, una vita piena di soddisfazioni e di sfide vinte», spiega, confessando: «Ruberei a Vale la sua età. Siamo molto diversi in realtà. Lui ha la testa sulle spalle… io l’ho sempre avuta un po’ per aria».

 

Pubblicità

Leggi anche: GUITAR HERO/ Flor d’Luna (Moonflower) di Carlos Santana, di W. Muto

Leggi anche: MOTOGP/ Gran Premio di Brno (Repubblica Ceca) podio, tempi e classifica: Lorenzo vince, Pedrosa lo segue e Valentino…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori