LATTE BLU/ Dopo le mozzarelle, è il latte a colorarsi di blu, E’ capitato ad una coppia di Piombino

- La Redazione

Dopo le mozzarelle, si colora di blu il latte. Il primo caso di latte blu si è verificato a Piombino, dove una coppia ha trovato del latte blu in una confezione lasciata aperta in frigo per alcuni giorni.

lattebluR375

Dopo le mozzarelle, si colora di blu il latte. Il primo caso di latte blu si è verificato a Piombino, dove una coppia ha trovato del latte blu in una confezione lasciata aperta in frigo per alcuni giorni.

Dopo mozzarella blu, ora è il latte colorarsi di blu. E’ accaduto in Toscana, dove una coppia di Piombino ha lasciato una confezione di latte a lunga conservazione aperta nel frigo. Quando, dopo aver trascorso un week-end fuori casa, il lunedì mattina ne hanno versato il contenuto in una tazza, si sono accorti dell’inquietante pigmentazione: un blu azzurrino con sfumature celesti. Il caso è stato segnalato da Il Tirreno.

Leggi anche: BRACCIALETTI FALSI/ (Video) La Guardia di finanza sequestra 25mila power balance

Leggi anche: TERREMOTO SICILIA/ Scossa di 2,1 gradi in provincia di Catania

«Quando ho visto quel colore mi sono spaventato. Anche perché pochi giorni prima io l’avevo bevuto. Devo dire però che mi sento bene. Non voglio diffondere allarmismo. Però penso che sia importante fare chiarezza», ha dichiarato il marito che, in ogni caso, da quando ha bevuto il latte, così come la moglie, non ha accusato alcun disturbo. «E dunque – ha aggiunto – prima di intraprendere qualsiasi iniziativa, aspetto i risultati delle analisi della Usl». I due avevano portato la confezione di latte all’ufficio di Igiene dell’Asl. Dopo aver prelevato un campione di latte dalla confezione aperta ed un altro da una ancora chiusa comprata lo stesso giorno, questi sono stati inviati a Pisa all’istituto zooprofilattico. L’esito delle analisi potrebbe pervenire dalla prossima settimana. Allora sarà possibile capire le cause della colorazione e l’eventuale pericolosità. Le mozzarelle blu erano diventate tali a casusa di un batterio, il pseudomonas, che prolifera laddove non vi sono adeguate condizioni igieniche, ma che non è pericoloso per l’uomo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori