MILANO/ Ucraino esce di casa e uccide a pugni la prima donna che incontra per strada

- La Redazione

Un ucraino è uscito di casa ed ha ucciso a pugni la prima donna che ha incontrato per strada. Era stato mollato due giorni fa dalla fidanzata.

Un ucraino è uscito di casa ed ha ucciso a pugni la prima donna che ha incontrato per strada. Era stato mollato due giorni fa dalla fidanzata.

E’ uscito di casa e ha massacrato, colpendola a pugni, la prima donna che ha incontrata. Dopo alcune ore di agonia, lei è morta all’ospedale Fatebenefratelli, dove era stata ricoverata in gravissime condizioni. E’ accaduto a Milano, in viale Gran Sasso.  

Leggi anche: DERAGLIAMENTO CIRCUMVESUVIANA/ Incidente sul treno di Napoli provoca un morto

Leggi anche: LA SPEZIA/ “Prof. eri un mito!”: gli studenti del Cardarelli ricordano su Facebook il docente scomparso a 49 anni

 

Un 25enne ucraino, Oleg Fedchenko, ex muratore con l’hobby del pugilato e abilitato all’ attività agonistico-sportiva ha riversato tutta la sua folle furia su una filippina di 41 anni, che stava tornando a casa dopo aver lasciato il figlio in piscina. E’ stata la madre del’ucraino a chiamare, non appena è uscito di casa la polizia: «Mi figlio è stato lasciato dalla sua ragazza e sono due giorni che è senza controllo. Adesso è uscito di casa e ho paura che voglia uccidere qualcuno».

 

La violenza con la quale l’ucraino si è scagliato sulla donna è stata disumana. I suoi pugni, resi molto più potenti del normale per il fatto che era un pugile, hanno sfondato le ossa del viso della donna. A tal punto ha riversato la sua ferocia su di lei, da scorticarsi le mani. Ora è in ospedale, piantonato dalla polizia. La donna era stata soccorsa da un’autoambulanza che stava passando di lì, ma era già in arresto cardiaco. Pare che il25enne avesse sofferto in passato di disturbi psicologici e depressione. Al’interno della sua abitazione sono stati trovati uno strumento elettrico per stordire e un grosso coltello da caccia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori