DOCENTI PRECARI/ Gelmini: “avete la mia solidarietà”. Intanto, aumentano gli scioperi della fame

- La Redazione

Cresce la protesta e il numero di insegnanti precari che decide di aderirvi formalmente. Intanto, il ministro dell’Istruzione Maria Stella Gelmini ha espresso nei loro confronti la massima solidarietà.

gelminipensaR375_21dic09
Mariastella Gelmini

I – Cresce la protesta e il numero di insegnanti precari che decide di aderirvi formalmente. Intanto, il ministro dell’Istruzione Maria Stella Gelmini ha espresso nei loro confronti la massima solidarietà.

A nulla è valso l’episodio di ieri, quando un precario della scuola di Palermo, Giacomo Russo, è stato ricoverato in condizioni di estrema disidratazione dopo giorni e giorni di sciopero della fame. Maria Carmela Salvo, ad esempio, 55enne docente precaria, da 5 anni, in provincia di Frosinone, ma originaria di Palermo, annuncia che dormirà in macchina e non mangerà finché non otterrà un impiego in qualche scuola elementare. Osserverà lo sciopero della fame, all’interno della sua auto parcheggiata in piazza di Maniago (Pordenone) – «almeno fino al 13 settembre, giorno di inizio delle lezioni, quando spero che qualche scuola mi chiami per supplenze brevi». Oltre la donna e i precari di Palermo, hanno stanno partecipando allo sciopero numerosi insegnanti di Taranto, Roma e Benevento. Dalla Gelmini, nel frattempo, dopo numerose sollecitazioni, anche dall’opposizione, sono arrivate le prime dichiarazioni in merito.

Il ministro dell’Istruzioni Maria Stella Gelmini ha espresso ai precari della scuola la «massima solidarietà, anche in maniera completa». Il ministro, tuttavia, rivolgendosi alle forze politiche, ha chiesto che «non si strumentalizzi il disagio» ricordando, a proposito del precariato, il «numero spaventoso ereditato dai precedenti governi».

Leggi anche: TERREMOTO ABRUZZO/ Scossa di 2.1 gradi in provincia dell’Aquila

Leggi anche: PREVISIONI METEO 3 SETTEMBRE/ Le previsioni meteo e il tempo sull’Italia di domani venerdì 3 settembre 2010

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori