CASA DI MONTECARLO/ Procura di Roma: irrilevanti le carte da Santa Lucia

- La Redazione

Le carte relative alla casa di Montecarlo, provenienti da Santa Lucia, sono irrilevanti ai fini dell’inchiesta.

FINI_r400
Immagine d'archivio

Le carte relative alla casa di Montecarlo, provenienti da Santa Lucia, sono irrilevanti ai fini dell’inchiesta.

Le carte provenienti da Santa Lucia, inviate dal ministro degli Esteri Franco Frattini, sono state definite del tutto irrilevanti circa il ”thema decidendum”. Lo afferma la Procura di Roma che, nelle deduzioni fatte pervenire al gip Carlo Figliolia in vista della camera di consiglio del 2 febbraio, ribadisce la richiesta di archiviazione per il reato di truffa aggravata ai danni di Gianfranco Fini e del senatore Francesco Pontone.

Si tratta delle carte che riguardano la titolarità delle due società off-shore succedutesi nella proprietà dell’abitazione di Montecarlo ereditato nel ’99 da An e finito nelle disponibilità del cognato del presidente della Camera, Giancarlo Tulliani.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

 
«Il contenuto degli atti trasmessi dal governo di Santa Lucia, rispetto alla vendita della casa di An a Montecarlo, appare del tutto irrilevante circa il “thema decidendum”, giacchè la richiesta di archiviazione formulata da questo ufficio è fondata, quale che sia il reale acquirente dell’immobile, sulla mancanza di elementi costitutivi dell’ipotizzato delitto di truffa», spiega la Procura. Il fascicolo era stato aperto in seguito all’esposto presentato da due esponenti di La Destra, il partito di Francesco Storace.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori