ALLARME DIOSSINA/ Fazio: le uova tedesche importate sono poche e tracciabili

- La Redazione

Il ministro della Salute Ferruccio Fazio ha rassicurato circa la tracciabilità delle uova importate dalla Germania e sul piano di controlli sugli alimenti importati ma non tracciabili.

uovaR400
Uova ritirate da Ministero della Salute

Il ministro della Salute Ferruccio Fazio ha rassicurato circa la tracciabilità delle uova importate dalla Germania e sul piano di controlli sugli alimenti importati ma non tracciabili.

In seguito all’esplosione dello scandalo diossina in Germania, il ministro della Salute Ferruccio Fazio rassicura i consumatori. Anche in Italia è stato importato un limitato quantitativo di uova, ma la loro provenienza è rintracciabile grazie all’etichettatura sulla quale è impressa il marchio di produzione e provenienza. Per quanto riguarda i prodotti italiani, poi, il ministro ha fatto presente che alimenti come carne, latte e uova, grazie alla loro tracciabilità sono «sono garanzia di sicurezza». Sul latte importato dalla Germania, il ministero ha inviato una lettera ai produttori chiedendo di effettuare controlli e analisi specifiche per la diossina. Saranno, inoltre, fatti controlli a campione dai Nas e dalle Regioni in tutta Italia. In particolare, il ministero ha programmato un doppio sistema di misure cautelative, grazie ai controlli realizzati all’origine, dalle aziende importatrici e al dettaglio, dalle Regioni.

«Il 13 a Roma ho convocato una riunione con i tecnici che hanno partecipato all’incontro di Bruxelles, i Nas e le Regioni Insieme si metteranno a punto modalità di controllo a campione», ha detto il ministro, riferendosi, in particolare, al latte a lunga conservazione e alle carni suine sull’etichetta dei quali non è contemplata l’origine. Per questi alimenti «potremo contare su questo doppio filtro».

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

Nel frattempo, la Germania sta continuando a indagare sulle ragioni della contaminazione, ipotizzando un «comportamento criminale» da parte della Harles und Jentzsch, la ditta sotto accusa che produce al contempo oli industriali e acidi grassi provenienti da oli di scarto alimentari che venivano aggiunti ai mangimi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori