SCIOPERO TIR/ Sicilia, trovato l’accordo. Revocata l’agitazione degli autotrasportatori

- La Redazione

E’ stato revocato lo sciopero degli autotrasportatori siciliano, previsto inizialmente dal 14 al 19 febbraio.

camion_R400
Immagine d'archivio

E’ stato revocato lo sciopero degli autotrasportatori siciliano, previsto inizialmente dal 14 al 19 febbraio.

E’ stato sospeso lo sciopero dei Tir in Sicilia. L’agitazione, prevista inizialmente dal 14 al 19 febbraio, è stata revocata dall’Aias, l’Associazione imprese autotrasportatori siciliani. Il dietro-front è stato deciso dopo l’incontro, protrattosi per più di 4 ore, convocato dal sottosegretario ai Trasporti, Bartolomeo Giachino, e condotto assieme all’assessore regionale Pier Carmelo Russo presso la sede dell’assessorato regionale alle Infrastrutture e Mobilità di Palermo.

Al termine del tavolo di lavoro, cui non sono mancati momenti di tensione e toni anche molto aspri, è stato sottoscritto un protocollo di intesa dalle associazioni, dai rappresentanti del settore trasporti, e dalla committenza e dalla Regione. Presenti anche i rappresentanti di Confindustria, Confetra, Confagricoltura, Cia, Confartigianato e delle altre sigle sindacali del settore. Al centro del documento, i problemi che gravano sul trasporto regionale, specie sulla filiera agroalimentare.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

 
Le condizioni di perifericità e insularità, infatti, la danneggiano fortemente, oltre alle norme previste dalla disciplina in materia, che per ragioni di sicurezza, impongono lo stop della circolazione, dopo 9 ore di guida.

 

L’assessore Russo, a tal proposito, si è detto intenzionato a far sì che lo stanziamento di «30 milioni di euro, previsto nel bilancio dello Stato per le autostrade del mare, venga interamente devoluto agli autotrasportatori della Regione siciliana a titolo di risarcimento per gli enormi ritardi accumulati nella realizzazione della Salerno-Reggio Calabria, che obbligano i nostri operatori a guide lunghissime che non consentono di esportare i prodotti dell’isola in tutti quei mercati che li richiedono». L’accordo non è stato firmato dalla rappresentanza Fita-Cna, mentre la data per il prossimo incontro è stata fissata al prossimo lunedì 21 febbraio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori