CRONACA QUI/ Revocate le deleghe a Luca Talice, assessore leghista

- La Redazione

Revocata la nomina all’assessore provinciale indagato per abusi sessuali

lucatalice_R400
Luca Talice, foto Ansa

Scandalo a luci rosse, segate: così la stampa definisce il caso dell’assessore leghista Luca Talice, assessore della provincia di Monza e Brianza, esponente della Lega Nord.

Adesso gli sono state revocate le deleghe. Un articolo su Cronaca Qui rivela che “il presidente della provincia Dario Allevi ha revocato le deleghe a Polizia provinciale, Sicurezza e Protezione civile”. Motivo: La denuncia in cui è incorso il politico per “molestie sessuali presentata nei suoi confronti da due giovani consiglieri comunali di Seregno, pure loro militanti nel Carroccio”. Si tratta di un uomo e di una donna. Al tempo dei fatti, i due erano minorenni. Luca Talice si professa innocente. L’assessore si era autosospeso, “nella speranza di veder concludere in poche settimane la vicenda giudiziaria che lo vede indagato”.

"Il caso" spiega Dario Allevi non è ancora giunto a una conclusione: Per questo motivo ho dovuto revocare la nomina dell’assessore e contestualmente ridistribuire le sue cariche".. Continua Cronaca Qui: "Anche la Lega ha condiviso la decisione rpesa dalla giunta provinciale: Nonostante a oggi non sia pervenuto a Talice alcun avviso di garanzia considerata l’importanza delle deleghe in oggetto e considerati i tempi non brevi della magistratura prendiamo atto che non è più opportuno prolungare la misura dell’autosospensione".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori