CASO RUBY/ Domani la richiesta di giudizio immediato

- La Redazione

Domani la richiesta di giudizio immediato per Berlusconi

PalazzoGiustiziaMilanoR400
Foto Imagoeconomica

Sarà inoltrata domani la richiesta di giudizio immediato per Silvio Berlusconi. Lo ha fatto sapere il procuratore Edmondo Bruti Liberati, aggiungendo che i magistrati decideranno oggi pomeriggio se la richiesta sarà solo per concussione o anche per prostituzione minorile.

“Oggi pomeriggio faremo una riunione conclusiva” rivela il procuratore. Che precisa: “‘Non c’è nessuna seconda parte lesa”. Un riferimento diretto alla possibilità che nel capo d’imputazione possa essere indicata come parte lesa oltre a Ruby, l’altra ragazza all’epoca dei fatti minorenne, Iris Berardi. Quest’ultima sarebbe stata presente nella residenza di Arcore, secondo i magistrati, la notte tra il 12 e il 13 dicembre del 2009. La cosiddetta inchiesta napoletana, aperta negli ultimi giorni, resta dunque divisa da quella di Milano.

Questa inchiesta è stata aperta per favoreggiamento della prostituzione aperta seguendo le attività di un pregiudicato giuglianese risultato in rapporti con Fabrizio Corona. Intanto gli avvocati difensori di Berlusconi hanno aperto la questione che Ruby sia in realtà nata nel 1991 e non nel 1992.

"E’ la tesi difensiva dell’avvocato Ghedini e se lui ritiene di diffonderla. Noi comunque invieremo i verbali e le memorie difensive al Gip" ha commentato Liberati. La prova che porterebbero gli avvocati del premier sta in una denuncia fatta dalla ragazza ai carabinieri per un borseggio avvenuta nel 2009, in cui Ruby avrebbe dichiarato di essere nata i 1 novembre 1991 e non il 1 novembre del 1992.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori