IL FOGLIO/ Il sondaggio sugli italiani e la guerra. L’Italia viene attaccata? Solo il 46% si arruolerebbe

- La Redazione

Quasi la metà degli italiani, secondo un sondaggio pubblicato da Il Foglio e realizzato da Arnaldo Ferrari Nasi, accetterebbe di essere arruolato se l’Italia venisse attaccata militarmente.

afghanistan-linceR400
Foto Ansa

Quasi la metà degli italiani, secondo un sondaggio pubblicato da Il Foglio e realizzato da Arnaldo Ferrari Nasi, accetterebbe di essere arruolato se l’Italia venisse attaccata militarmente.

La guerra. Un ricordo triste e lontano dei nostri nonni, (di quelli, almeno, che hanno un’ottantina d’anni abbondanti) ma che per la maggior parte degli italiani è solo parte dei libri di storia. Per i giovani, poi, un evento che appartiene alla sfera dell’impossibile, non contemplato tra le cose che potrebbero capitare in un lontano futuro. Ma se così non fosse? Del resto, pochi decenni di pace, se prendiamo in considerazione l’Europa,  non sono niente in confronto ai tempi della storia e – attualmente – il mondo intero è attraversato dal più alto numero di conflitti di sempre. Ebbene, se così fosse, secondo un sondaggio realizzato da Arnaldo Ferrari Nasi pubblicato da Il Foglio, circa metà degli italiani accetterebbe di essere arruolato per difendere, se attaccata militarmente, la propria patria.

 

 

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

Lo farebbe il 46 per cento degli intervistati (la percentuale sale al 65 per cento tra gli elettori di destra, e al 77 per cento di quelli di estrema destra) mentre il 41 per cento  non accetterebbe mai di impugnare le armi.

 

 Per difendere il Paese, inoltre, il 35 per cento metterebbe a rischio la propria vita, ma la maggioranza, il 47 per cento non ci pensa neanche. Il 45 per cento degli italiani, poi,  è convinto che nei prossimi 100 anni non ci saranno guerre, mentre è convinto del contrario il 29. In pochi pochissimi, invece, sono convinti che all’Italia non serva un esercito forte, dato che a difenderci ci pensano gli americani: è l’opinione del 18 per cento degli intervistati, mentre è convinto del contrario il 73.

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori