SANTO DEL GIORNO/ 17 marzo 2011: san Patrizio, patrono d’Irlanda

- La Redazione

Si festeggia oggi giovedì 17 marzo 2011 come santo del giorno: san Patrizio, patrono d’Irlanda. la sua evangelizzazione dell’Isola Verde avvenne in maniera del tutto pacifica

tutti_santiR400
Tutti i santi
Pubblicità

Si celebra come santo del giorno san Patrizio, il patrono e l’apostolo d’Irlanda; la sua evangelizzazione dell’Isola Verde avvenne in maniera del tutto pacifica, al punto che non ci fu nessun martire, sebbene i nativi fossero forti guerrieri. San Patrizio nacque nella Britannia Romana nel 385 ca. da genitori cristiani appartenenti alla società romanizzata della provincia. Suo padre Calpurnio era diacono della comunità di Bannhaven Taberniae, loro città d’origine e possedeva anche un podere nei dintorni.

Dopo un’infanzia serena e un’educazione di alto livello fu fatto prigioniero nel podere del padre insieme a molti altri e preso come schiavo dai pirati irlandesi. Dopo sei anni di servitù  riuscì a fuggire e si imbarcò su una nave in partenza con il permesso del capitano e dopo tre giorni di navigazione sbarcò su una costa deserta della Gallia. Qui l’equipaggio camminò per  28 giorni durante i quali le scorte finirono: gli uomini dell’equipaggio, pagani, spinsero Patrizio a pregare il suo Dio per tutti loro; il giovane acconsentì e dopo un poco comparve un gruppo di maiali, con cui si sfamarono.

San Patrizio riuscì poi a lasciare la Gallia e a tornare dai suoi famigliari;  a questo punto sognò che gli irlandesi lo chiamavano, interpretò ciò come una vocazione all’apostolato fra quelle tribù pagane; decise quindi di farsi chierico e iniziare la sua missione tra gli irlandesi.

Andò ancora in Gallia presso il santo vescovo di Auxerre Germano, per continuare gli studi, alla fine dei quali fu ordinato diacono; san Patrizio desiderava tornare in Irlanda ma i suoi superiori non erano convinti perché lo giudicavano non sufficientemente colto.

Pubblicità

San Patrizio si dedicò interamente alla vita monastica nel monastero sull’isola di Lérins di fronte alla Provenza. Non si sa per certo se abbia incontrato il papa a Roma, comunque sembra che sia stato consacrato vescovo e nominato successore di Palladio come vescovo in Irlanda.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SU SAN PATRIZIO SANTO DI OGGI  17 MARZO 2011

Pubblicità

Iniziò quindi l’opera di cristianizzazione dell’Irlanda, mirata ad evangelizzare i sovrani dei piccoli stati in cui essa era divisa, ottenendone il favore con doni, per arrivare poi ai sudditi, il tutto in modo assolutamente pacifico.  San Patrizio poi introdusse in Irlanda il monachesimo da poco sorto in Occidente e un gran numero di giovani aderirono con entusiasmo facendo fiorire conventi e monasteri.
San Patrizio dovette però affrontare anche alcune difficoltà, come con gli eretici pelagiani, che per ostacolare la sua opera ricorsero anche alla calunnia. Egli rispose scrivendo una “Confessione” in cui spiegò come il suo impegno missionario fosse voluto da Dio e che la sua avversione al pelagianesimo nasceva dal valore teologico attribuito alla Grazia. San Patrizio, apostolo indefesso, morì nel 461 nell’Ulster a Down, che prenderà poi il nome di Downpatrick.

Durante il secolo VIII il santo vescovo fu riconosciuto come apostolo nazionale dell’Irlanda intera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori