YARA GAMBIRASIO/ La conferenza stampa del sindaco di Brembate: “L’animale che ha ucciso Yara va preso”

- La Redazione

A sorpesa questa mattina il sindaco di Brembate Sopra ha convocato una conferenza stampa. Diego Locatelli ha voluto precisare alcuni fatti sulla cittadina

yarafotoultima-R400
(Foto Ansa)

A sorpesa questa mattina il sindaco di Brembate Sopra ha convocato una conferenza stampa. Diego Locatelli ha voluto precisare alcuni fatti riguardo a come la cittadina sta vivendo il dramma della morte del ragazzina.

«La comunità di Brembate e la famiglia chiedono risposte – ha esordito il primo cittadino nella mattinata di giovedì 3 marzo -. Vogliamo giustizia, ma non vogliamo vendetta: quell’animale che ha ucciso Yara deve essere trovato e punito nell’ambito della giustizia». Ha aggiunto il primo cittadino di Brembate: «Non crediamo ci sia qualcuno che conosca informazioni utili alle indagini e non le riveli. Non abbiamo fatto un appello a parlare, perché molte persone di Brembate Sopra spontaneamente di sono fatte avanti e sono sempre state indirizzate a chi di dovere. Noi diamo alle parole il giusto peso e non crediamo che Brembate sia più pericolosa di altre località: la nostra comunità non è né migliore né peggiore di altre».

Una comunità che vive un grande dolore quella di Brembate: «Siamo in lutto, un lutto serio e contenuto – ha detto – e stiamo valutando con la famiglia e la parrocchia come meglio dare l’ultimo saluto a Yara. Per i funerali non c’è una data: saranno a Brembate Sopra e molto probabilmente all’aperto e su suolo pubblico. Potrebbero essere nella piazza del Comune, nel parco della casa di riposo e alla Cittadella dello sport. Decideremo con la famiglia».

Riguardo alle polemiche sulle ricerche di Yara ha voluto dire: «Ribadisco che nessuno ha mai dubitato delle ricerche e del lavoro dei volontari, fatto con il coordinamento di tutte le forze dell’ordine – spiega -. Nel frattempo noi rispettiamo il lavoro degli inquirenti e aspettiamo risposte che speriamo arrivino il prima possibile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori