PIERLUIGI CONCUTELLI/ Sospesa la pena. L’ex leader di Ordine nuovo uccise il giudice Occorsio

- La Redazione

Per gravi motivi di salute, è stata sospesa la pena di Pierluigi Concutelli, terrorista nero condannato a tre ergastoli per l’uccisione di un giudice e di due neofascisti.

concutelliR400
Pierluigi Concutelli

Per gravi motivi di salute, è stata sospesa la pena di Pierluigi Concutelli, terrorista nero condannato a tre ergastoli per l’uccisione di un giudice e di due neofascisti.

Pierluigi Concutelli è stato rilasciato. Si tratta del terrorista nero, ex leader di Ordine Nuovo, condannato all’ergastolo per aver assassinato il sostituto procuratore Vittorio Occorsio e, successivamente, negli anni ’80, ad altri due per aver sgozzato due compagni neofascisti da lui considerai delatori, Ermanno Buzzi e Carmine Palladino. Le autorità hanno dovuto riconoscergli la sospensione della pena per le sue gravi condizioni di salute.

Concutelli uccise il giudice perché lo riteneva responsabile dello scioglimento del suo gruppo. Arrestato il 13 febbraio del ’77, nel carcere di Novara, assieme a Mario Tuti, strangolò le altre due vittime con una corda di nylon. In seguito gli fu concesso il regime di semilibertà che, tuttavia, gli  fu revocato per esser stato trovato in possesso, nell’estate del 2008, mentre rientrava al carcere di Rebibbia, di hashish, denaro e di un coltello. Nel 2009 ottenne gli arresti domiciliari, perché fu colpito da un’ischemia celebrale.

Ora, per l’aggravarsi ulteriore delle sue condizioni di salute, la pena  gli è stata revocata. Come riferisce sul proprio blog Ugo Tassinari, studioso della destra radicale, «è stato trasferito dagli amici che lo assisteranno in una casetta sul mare, sul litorale di Ostia». Concutelli, la sera del 18 febbraio del 2008 ha potuto partecipare alla trasmissione televisiva de La 7 Niente di personale mentre nel 2008 ha pubblicato, con il giornalista della Rai Giuseppe Ardica, il volume “Io, l’uomo nero”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori