CASSANO D’ADDA/ Arrestato il sindaco Edoardo Sala per tangenti

- La Redazione

Edoardo Sala, sindaco del comune di Cassano D’Adda in provincia di Milano, è stato arrestato questa mattina. L’accusa è di aver preso tangenti per modificare il piano urbanistico

Cassanodadda_R400
Cassano D'Adda

Edoardo Sala, sindaco del comune di Cassano D’Adda in provincia di Milano, è stato arrestato questa mattina. Insieme a lui sono stati portati in carcere anche un ex assessore e un ex consigliere comunale. Inoltre altre due persone sono state poste agli arresti domiciliari. L’accusa è di tangenti relative a modifiche promesse sul piano urbanistico. Sono stati gli agenti del nucleo di polizia tributaria delle Guardie di Finanza di Milano a portare a compimento l’operazione. Si tratta di una inchiesta aperta dal procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo relativa a mazzette offerte ai politici in cambio di modifiche da apportare al piano urbanistico cittadino. Edoardo sala in realtà si era dimesso dal suo ruolo di sindaco già lo scorso dicembre dopo che era stato perquisito e indagato durante le prime indagini relative all’operazione. I finanzieri avevano perquisito la sede del Comune di Cassano D’Adda, le abitazioni di alcuni amministratori locali nonché le sedi di alcune società coinvolte nell’inchiesta.

Al centro dell’inchiesta che coinvolgerebbe imprenditori e funzionari a vario titolo ci sono gli affari del Piano di Governo del Territorio. Meglio. «Un sistema»,l’ha definito Roberto Maviglia dei Verdi, futuro candidato sindaco del centrosinistra. Per Cassano si apre così il terzo commissariamento del Comune in vent’anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori