SERIAL KILLER/ Cinisello Balsamo, donna massacrata in un garage, fermato un sospetto

- La Redazione

Trovato il corpo di una donna in un box di Cinisello Baalsamo con evidenti segni di tortura. E’ stato fermato il proprietario del garage che nega ogni addebito

cinisello_R400
Cinisello Blasamo

Il corpo di una donna incaprettato e con evidenti segni di tortura è stato trovato in un garage, trasformato in una autentica stanza delle torture. La donna non è ancora stata identificata. Avrebbe circa 35 anni e sarebbe d origine romena. In attesa dell’autopsia si pensa che la morte risalga a un paio di giorni fa. Il proprietario del box, Antonio Giordano, 44 anni, è stato fermato dalle forze dell’ordine. Si tratta di un muratore, separato dalla moglie e con due figli. Vive con la madre e la sorella a Sesto San Giovanni. L’uomo si è dichiarato innocente ma c’è assoluto riserbo da parte degli inquirenti sulle sue dichiarazioni. E’ intanto scattata l’ipotesi del serial killer: dalle prime indagini nella stanza delle torture e dalle modalità della morte, si trova riscontro con altri casi analoghi. Tutto è partito dalla denuncia di una prostituta ghanese aggredita intorno alla mezzanotte di sabato scorso. E’ stata proprio lei a guidare gli inquirenti nel garage degli orrori. Dentro, un letto, una tv, alcuni mobili e il corpo della donna uccisa.

Si sta indagando nell’ambiente delle prostitute, un ambiente in cui è molto difficile risalire alle identità, poichè spesso si tratta di clandestine senza documenti.  E spesso molte di queste donne spariscono senza lasciare traccia alcuna. Stanno indangando i carabinieri di Monza e i nucleri speciali, ma al momento non risultano casi analoghi a questo nel territorio di Monza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori