SANTO DEL GIORNO/ 28 maggio 2011: san Germano vescovo a Parigi

- La Redazione

Santo del giorno 28 maggio 2011: san Germano vescovo. Egli fu abate di San Sinforiano di Autun e venne poio eletto alla sede di Parigi, dove si distinse per il suo stile di vita monastico

tutti_santiR400
Tutti i santi

Santo del giorno 28 maggio 2011: san Germano vescovo – Si celebra oggi come santo del giorno san Germano, vescovo a Parigi. Egli fu prima abate di San Sinforiano di Autun e venne in seguito eletto alla sede di Parigi, dove si distinse per il suo stile di vita monastico e l’attenzione che dedicò ai fedeli della sua diocesi.
La vita di san Germano ci viene raccontata dalla biografia che scrisse su di lui il suo amico Fortunato di Poitiers.
San Germano nacque ad Autun verso la fine del V sec., si racconta che sia stato vittima di due tentativi di assassinio, a cui sfuggì miracolosamente: il primo per una minaccia di aborto mentre la madre lo attendeva ed il secondo poco dopo per avvelenamento. Doveva provenire da una famiglia abbastanza agiata, dal momento che poté dedicarsi agli studi ad Avállon. Il suo nome è legato proprio al famoso quartiere di Parigi, Saint-Germain-des-Prés, uno dei luoghi più suggestivi, proprio nel centro della capitale francese, quartiere degli artisti. La chiesa che vi sorge è stata ricostruita nel 990, dopo la distruzione dell’abbazia precedente. L’edificio – che sorgeva appunto “nei prati” attorno a Parigi – era stato voluto da re Childerico, che l’aveva donato a Germano (496-576), allora abate del monastero benedettino di San Sinforiano: il re infatti attribuiva proprio al santo la sua miracolosa guarigione.

Saint-Germain divenne così il monastero più importante di Parigi e centro d’irradiazione del cristianesimo occidentale. San Germano partecipò ad alcuni grandi avvenimenti della Chiesa di Francia: il concilio di Tours del 567, i concili di Parigi, tra cui quello del 573, e la consacrazione del vescovo Felice di Bourges nel 570.
Morì a circa ottant’anni e il suo corpo si trova ancora oggi nella chiesa che porta il suo nome.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori