EMERGENZA RIFIUTI/ Consiglio di Stato, al via i trasferimenti dalla Campania

- La Redazione

Il Consiglio di Stato rinbaltando la sentenza del Tar del Lazio dà il via libero al trasferimento dei rifiuti dalla Campania. Ci vuole adesso l’ok delle Regioni disponibili ad accoglierli

rifiuti-R400
Foto Ansa

Il Consiglio di Stato dà l’assenso al trasferimento dei rifiuti fuori della Campania. Il Tar del Lazio aveva fermato tale trasferimento con una sentenza emessa a sua volta, ma il Consiglio di Stato prevale sulla sentenza del Tar. Il giudizio di merito è atteso per il 6 dicembre, ma intanto scatta la possibilità di trasferimento rifiuti in altre regioni della penisola. Si tratta dei rifiuti provenienti dagli stabilimenti di tritovagliatura ed imballaggio rifiuti, gli Stir. Per il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, una decisione positiva che potrebbe aprire uno spiraglio alla caotica situazione rifiuti campana. Manca ovviamente l’ok delle regioni che dovrebbero accogliere detti rifiuti. “Mi aspetto che questo provvedimento venga recepito nel dibattito parlamentare in corso… è un buon provvedimento, dovrebbe avere effetti positivi e potrebbe fare venir meno nel dibattito parlamentare la necessità del nullaosta. Si potrebbe pensare ad accordi diretti tra comuni e città metropolitane, prescindendo dal nullaosta sull’accordo” ha detto il sindaco del capoluogo campano. In Parlamento proprio in questi giorni si discute sul decreto legge per fronteggiare l’emergenza rifiuti. Per De Magistris, la decisione del Consiglio consente di superare le resistenze che arrivano in queste ore.

E in queste ore ci attendiamo che il Parlamento scriva una pagina un po’ più chiara ed efficiente rispetto al decreto legge, ha detto ancora De Magistris. Ha poi aggiunto che la richiesta al Parlamento consiste essenzialmente nella possibilità di stringere accordi diretti con i comuni: “Questo  significa assumersi le proprie responsabilità e non fuggirle”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori