RICORDO/ Cena in compagnia, allietata da Gino Paoli per ricordare Bruno Lauzi

- Paolo Massobrio

Una cena a Rocchetta Tanaro (At), con i plin e ottime bistecche, le canzoni di Gino Paoli, Memo Remigi, Giorgio Conte, per ricordare Bruno Lauzi che ispirò La Circolare

circolareR400
La Circolare
Pubblicità

L’altra sera a Rocchetta Tanaro (At) abbiamo ricordato un amico, Bruno Lauzi, che era anche socio onorario del Club Papillon, per il quale ho scritto una serie di racconti raccolti poi nel libro Della quieta follia dei Piemontesi. Hanno cantato Gino Paoli, Memo Remigi, Giorgio Conte, Oscar Prudente, Paolo e Caterina Frola e tanti altri, sulla piazza di quello “strano Brasile” dove ci si trovava con Bruno a mangiare i plin (gli agnolottini col pizzico) oppure quel che passava l’osteria di Da Taschet (piazza A. Piacentino, 11 – tel. 0141644424), meta solare a qualsiasi ora della notte, anche per le sue eccellenti bistecche. (Se ci andate – uscendo a Felizzano sulla A21 – chiedete di Carlo e bevete alla nostra salute una Monella del Cinquantesimo, Barbera del Monferrato vivace di Giacomo Bologna detto il Braida).
Ebbene, mi ricordo ancora quei dialoghi fitti con Lauzi (abbiamo fatto almeno 100 serate insieme, fra talk show e spettacoli), in particolare quando 16 anni fa decisi di fare un diario-giornale per quelli che avevano deciso di vivere l’avventura di Papillon. Lui mi chiamò e mi disse: “Mi piace questa Circolare, perché fa circolare le idee”.
Da allora, quel titolo provvisorio di un foglio periodico è come se avesse avuto un contenuto di positività. E la testata è rimasta La Circolare. Ora, per intenderci, le riviste che produciamo sono due: una si chiama Papillon, a colori, patinata e si occupa di critica enogastronomica ed esce da 20 anni (li compie il prossimo settembre); l’altra è La Circolare, che è proprio un diario quotidiano del mio girovagare su e giù per l’Italia con gli appunti di tutti gli incontri, ma anche i pensieri che sovvengono, le considerazioni e le polemiche (che sono il sale della vita).

Pubblicità

Un foglio nato semplicemente dal desiderio di portare con me i migliori amici, a contatto con situazioni che molto spesso hanno la capacità di commuovermi. Ora, l’Italia vista dalla Circolare è ben lungi da quella grigia di un atteggiamento di crisi rassegnato. Ci sono di mezzo giovani, soprattutto al Sud, che sanno ripartire nonostante tutto, ma anche giovani contadini e ristoratori, molti dei quali, mano a mano, ho iniziato a presentarvi anche su IlSussidiario.net.
La Circolare è una “chicca” esclusiva, che viene inviata subito online, appena impaginata, ai 6mila soci di Papillon, mentre Papillon si può sfogliare andando sul sito www.clubpapillon.it cliccando su sfoglia Papillon. In via eccezionale, agli amici del Sussi invierò volentieri La Circolare che esce quest’oggi: basta scrivere a massolon@tin.it.  Buone vacanze! (Noi saremo sempre qui, tutti i giorni con voi).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori