NAUFRAGIO GIGLIO/ Si cerca la supertestimone, una donna moldava di 25 anni

- La Redazione

I misteri legati alla tragedia avvenuta all’Isola del Giglio aumentano giorno dopo giorno. Sembra che adesso la Procura di Grosseto stia cercando di rintracciare una donna moldava

costaconcordia_R400
Infophoto

I misteri legati alla tragedia avvenuta all’Isola del Giglio aumentano giorno dopo giorno. Sembra infatti che adesso la Procura di Grosseto stia cercando di rintracciare una donna di nazionalità moldava che il giorno del disastro si trovava sulla plancia della nave insieme al comandante Francesco Schettino. Una supertestimone, quindi, seduta secondo i testimoni nella saletta attigua alla plancia di comando della Costa Concordia da dove è possibile osservare, attraverso una vetrata, ogni attività del comandante. Il nome della donna è Domnika, ha 25 anni, ma non risulta nell’elenco dei passeggeri, e adesso i pm stanno facendo di tutto per rintracciarla con la speranza che possa raccontare dettagli importanti di quel venerdì 13 gennaio.  Intanto questa mattina sono riprese le ricerche delle 21 persone che ancora mancano all’appello, dopo che ieri sera i sommozzatori della Guardia costiera sono dovuti rientrare a causa di un nuovo spostamento della gigantesca nave, che si è inabissata ulteriormente di circa un metro e mezzo. Ferme anche le operazioni dedicate allo svuotamento dei serbatoi che contengono attualmente circa 2.300 tonnellate di carburante, e preoccupa sempre di più il rischio di disastro ambientale all’Isola del Giglio, anche se il ministro dell’Ambiente Corrado Clini ha già fatto sapere che un danno già esiste, anche se «molto contenuto», ai fondali dell’isola. Costa Crociere torna a farsi sentire, questa volta attraverso una lettera inviata a tutti coloro che, almeno una volta, sono stati ospiti a bordo delle navi della compagnia, firmata Pier Luigi Foschi, presidente e amministratore delegato dell’azienda: «Ho il dovere di rendere conto a chi, come Lei, ha riposto in noi la propria fiducia», esordisce Foschi nella lettera in cui, pur non nominando mai Schettino, parla di un «drammatico evento straordinario, apparentemente causato da un unico errore umano, che non dovrà più ripetersi». Foschi comincia poi ad elogiare il comportamento dei membri dell’equipaggio, che «hanno anteposto l’altrui salvezza alla propria» con veri e propri «atti di eroismo».

L’equipaggio, infatti, «si è comportato in modo encomiabile in una situazione di estrema difficoltà, riuscendo nelle condizioni terribili in cui si trovavano, ad evacuare oltre 4.000 persone nel minor tempo possibile». «Il terribile incidente della Costa Concordia – continua Foschi nella lettera – ci ha colpito nei nostri affetti più cari: i nostri ospiti, i nostri dipendenti, una delle nostre magnifiche navi. Soffriamo per le sofferenze e il disagio che queste persone hanno subito e per il dolore delle famiglie delle vittime». E ancora: «Circa 1.100 persone di Costa Crociere in tutto il mondo sono oggi impegnate senza sosta dalla serata di venerdì nella gestione di questo terribile incidente per supportare le operazioni di salvataggio e assistere ospiti ed equipaggio per farli ricongiungere alle loro famiglie, riportandoli ai loro luoghi di residenza».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori