TERREMOTO BELLUNO/ Scossa di magnitudo 2.0 in Veneto, oggi, 6 gennaio

- La Redazione

Una scossa di 2.0 gradi della scala Richter è stata registrata all’ora di pranzo di oggi 6 gennaio 2012 alle ore 13 e 18  in provincia di Belluno, in Veneto, a una profondità di 8,6 km

SismografoR400
Immagine d'archivio
Pubblicità

L’epicentro e la magnitudo del terremoto – Una scossa pari a 2.0 gradi della scala Richter è stata registrata all’ora di pranzo di oggi 6 gennaio 2012 alle ore 13 e 18  in provincia di Belluno, in Veneto. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e di vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 8,6 chilometri  di profondità. La scossa fortunatamente non ha determinato danni a edifici o persone, ma è stata rilevata da più persone. Il rilevamento sismico è stato registrato nel distretto sismico delle Prealpi venete, e l’epicentro della scossa è stato rilevato alle coordinate 46.066°N, 12.122°E e a una profondità non così elevata di 8,6 chilometri. Il terremoto è stato localizzato con i dati di 19 stazioni della Rete Sismica Nazionale dell’INGV (quadrati). La localizzazione epicentrale riportata nella figura e’ quella rivista dagli operatori della Sala Sismica dell’INGV e comunicata al Dipartimento di Protezione Civile subito dopo l’evento. I dati relativi a ogni terremoto rilevato dalla rete INGV vengono rivisti successivamente da personale specializzato prima di essere inseriti nel Bollettino della sismicita’ italiana. I valori delle coordinate ipocentrali e della magnitudo rappresentano la migliore stima con i dati a disposizione. Eventuali nuovi dati o analisi potrebbero far variare le stime attuali della localizzazione e della magnitudo. Effetti della scossa sono stati rilevati anche in provincia di Messina. Solo qualche mese fa era stata registrata una scossa praticamente identica, nelle province di Trento e Verona, registrata alle ore 08.22 di magnitudo 2.8 gradi della scala Richter. La scossa era stata registrata alle coordinate 45.704°N, 10.994°E e a una profondità di 9,3 chilometri. Anche in quel caso a individuarla erano stati i macchinari dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia. L’ipocentro del terremoto era stato localizzato ad una profondità di 9,3 chilometri e la scossa era stata rilevata nel distretto sismico delle Prealpi venete, quindi come quella di oggi.

Comuni entro i 10 chilometri:

LIMANA (BL)
MEL (BL)
SANTA GIUSTINA (BL)
SEDICO (BL)
SOSPIROLO (BL)
TRICHIANA (BL)
CISON DI VALMARINO (TV)

Comuni tra 10 e 20km

BELLUNO (BL)
CESIOMAGGIORE (BL)
LENTIAI (BL)
PONTE NELLE ALPI (BL)
SAN GREGORIO NELLE ALPI (BL)
FARRA DI SOLIGO (TV)
FOLLINA (TV)
MIANE (TV)
MORIAGO DELLA BATTAGLIA (TV)
PIEVE DI SOLIGO (TV)
REFRONTOLO (TV)
REVINE LAGO (TV)
SAN PIETRO DI FELETTO (TV)
SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA (TV)
TARZO (TV)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori