TERREMOTO L’AQUILA/ Scossa di 2.6 gradi in Abruzzo. 6 febbraio 2012

- La Redazione

Un evento sismico pari a 2.6 gradi della scala Richter è stato avvertito stamattina alle ore 7 e 24 in Abruzzo, nelle vicinanze di L’Aquila. Non si registrano danni a edifici o persone

SismografoR400
Immagine d'archivio

La magnitudo e l’epicentro del terremoto. Una scossa di 2.6 gradi della scala Richter è stata avvertita questa mattina alle ore 7 e 24 in provincia de L’Aquila. Una scossa che fortunatamente non ha fatto registrare danni a edifici o persone, ma che va ad aggiungersi alla grave situazione in cui versa l’Abruzzo e in generale tutto il centro Italia, letteralmente sepolto da spesse colti di neve in seguito alle abbondanti nevicate dei giorni scorsi e al freddo polare che si è riversato sulla nostra penisola. Una scossa non particolarmente forte, ma che ha destato qualche preoccupazione in quanti l’hanno avvertita. Anch perché nella giornata di ieri poco distante da questo rilevamento sismico in Abruzzo è stata registrata una scossa di terremoto anche nel vicino Lazio, nel distretto sismico dei Monti Sabini con un magnitudo di 2.3 gradi. La scossa di stamane invece è stata rilevata nel distretto smisto Bacino di Sulmona, un bacino come ben si sa purtroppo assai attivo dal punto di vista sismico. L’epicentro di questa scossa di 2.6 gradi della scala Richter è stato rilevato alle coordinate 42.063°N, 13.878°E  e a una profondità di 8,5 chilometri. Diversi i comuni in un raggio di dieci chilometri dall’epicentro, tutti in provincia dell’Aquila, mentre in un raggio di venti chilometri circa dall’epicentro la scossa è stata avvertita anche in diversi comuni della provincia di Pescara. Come dicevamo, la scossa non ha fortunatamente provocato alcun danno a edifici o persone, secondo quanto riportano i dati della protezione civile. Il terremoto è stato localizzato con i dati di 14 stazioni della Rete Sismica Nazionale dell’INGV (quadrati). La localizzazione epicentrale riportata nella figura e’ quella rivista dagli operatori della Sala Sismica dell’INGV e comunicata al Dipartimento di Protezione Civile subito dopo l’evento. I dati relativi a ogni terremoto rilevato dalla rete INGV vengono rivisti successivamente da personale specializzato prima di essere inseriti nel Bollettino della sismicita’ italiana. I comuni a dieci chilometri dall’eèicentro sono quelli di BUGNARA (AQ), CORFINIO (AQ), INTRODACQUA (AQ), PRATOLA PELIGNA (AQ), PREZZA (AQ), RAIANO (AQ), ROCCACASALE (AQ), SULMONA (AQ), VITTORITO (AQ).

Comuni tra 10 e 20 chilometri

ACCIANO (AQ)
ANVERSA DEGLI ABRUZZI (AQ)
BISEGNA (AQ)
CAMPO DI GIOVE (AQ)
CANSANO (AQ)
CASTEL DI IERI (AQ)
CASTELVECCHIO SUBEQUO (AQ)
COCULLO (AQ)
COLLEPIETRO (AQ)
GAGLIANO ATERNO (AQ)
GORIANO SICOLI (AQ)
MOLINA ATERNO (AQ)
ORTONA DEI MARSI (AQ)
PACENTRO (AQ)
PETTORANO SUL GIZIO (AQ)
ROCCA PIA (AQ)
SAN BENEDETTO IN PERILLIS (AQ)
SCANNO (AQ)
VILLALAGO (AQ)
BOLOGNANO (PE)
BUSSI SUL TIRINO (PE)
CARAMANICO TERME (PE)
CASTIGLIONE A CASAURIA (PE)
PESCOSANSONESCO (PE)
POPOLI (PE)
SALLE (PE)
SANT’EUFEMIA A MAIELLA (PE)
TOCCO DA CASAURIA (PE)
TORRE DE’ PASSERI (PE)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori