SANTO DEL GIORNO/ Oggi, 13 giugno, si celebra Sant’Antonio da Padova, dottore della Chiesa

- La Redazione

Il 13 giugno si festeggia uno dei Santi più venerati nel mondo cattolico: Sant’Antonio da Padova, dottore della Chiesa. Nonostante lo si ricordi come padovano, in realtà era portoghese

tutti_santiRR439
Infophoto

Il 13 giugno si festeggia uno dei Santi più venerati nel mondo cattolico: Sant’Antonio da Padova, dottore della Chiesa. Nonostante lo si ricordi come padovano, in realtà il Santo era portoghese e il suo nome era Fernando Martim de Bulhões, nato a Lisbona da una ricca famiglia in un anno imprecisato che di solito viene indicato con il 1195. Il giovane ricevette un’ottima educazione e all’età di 15 anni decise di divenire religioso entrando nel convento degli agostiniani della capitale portoghese. Dopo due anni chiese però di essere trasferito a Coimbra per poter vivere la sua fede lontano dagli influenti parenti. Qui venne ordinato sacerdote e, nonostante vista la sua conoscenza delle Sacre Scritture e l’abilità oratoria fosse destinato a divenire predicatore, Fernando provava grande ammirazione per il nuovo ordine religioso nato da poco in Italia: i “poverelli” di Francesco. Alla notizia che cinque di loro erano stati martirizzati in Marocco dove si erano recati a predicare, decise di divenire anche lui un francescano. Per sottolineare il suo totale cambiamento di vita prese il nome di Antonio e con altri due confratelli si recò anch’egli in Nord Africa a portare la parola del Vangelo. Sulla via del ritorno però la loro nave finì sulle coste siciliane (1221) e da qui Antonio proseguì a piedi per Assisi per incontrare il maestro Francesco. Dopo un anno trascorso in un eremo nei pressi di Castrocaro, il Santo di Assisi riconobbe in Antonio la sua grande abilità di predicatore e di teologo e perciò lo inviò a tra le genti italiche perché non aderissero ai movimenti eretici che allora raccoglievano migliaia di adepti. Iniziò allora a predicare nel nord Italia dove si erano diffuse le idee patarine e dove la vita quotidiana era segnata da lotte di clan rivali e faide nobiliari. La sua grande abilità a parlare alla gente convinse Francesco a inviarlo in Francia in cui l’eresia degli Albigesi continuava ad attrarre molti cristiani in cerca di un rinnovamento della Chiesa (1124). Per due anni Antonio portò la vera dottrina cristiana in Languedoc, Provenza e Guascogna e tale era la sua passione che venne soprannominato “il martello degli eretici”. Rientrò in Italia alla notizia della morte di Francesco per unirsi agli altri confratelli per eleggere il successore del poverello di Assisi.

 Venne scelto Fra’ Giovanni Parenti che conosceva molto bene Antonio e gli diede l’incarico di ministro per l’Italia settentrionale (1227), il frate scelse come sua residenza la città di Padova e da lì si muoveva verso tutte le comunità per sovrintendere e controllare la loro attività. Non smise mai di predicare e la sua fama faceva accorrere migliaia di persone che volevano ascoltarlo, ma il continuo peregrinare tra i vari conventi sui quali aveva la supervisione non gli permise di potare a termine la sua opera letteraria “I Sermoni” nei quali trascriveva i suoi discorsi ai fedeli. I viaggi continui, i digiuni però fiaccarono la sua salute, nei primi di giorni di giugno del 1231 si trovava a Camposanpiero dove teneva una serie di scorsi quando apparve ai fedeli con in braccio il Bambino Gesù, ma oramai sentiva che la propria fine era vicina e volle essere ricondotto a Padova, ma era talmente grave che morì in località Arcella (ora un quartiere della città). Sorse poi una disputa per la sua sepoltura e il suo corpo venne portato in città solo dopo che il podestà stesso fu incaricato di sedare gli animi. Antonio vene canonizzato l’anno seguente e nel 1946 Pio XII lo nominò Dottore della Chiesa. Il suo corpo riposa all’interno della maestosa Basilica padovana che attira fedeli da ogni parte del mondo. Il santo è celebre per i suoi miracoli e per il suo affetto nei confronti dei bambini e viene celebrato come patrono in moltissime comunità italiane ed estere.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori