NOTIZIE DEL GIORNO/ Fine dell’euro, evasione fiscale e la sorte di Julian Assange. 18 agosto 2012, aggiornamento alle 19

- La Redazione

Tra le principali notizie che hanno occupato i titoli di oggi dei principali telegiornali ampio spazio all’economia e al futuro dell’euro. Il riepilogo all’interno dell’articolo

giornale_r439
foto: Infophoto

Tra le principali notizie che hanno occupato i titoli di oggi, sabato 18 agosto, dei principali telegiornali in primo piano c’è l’economia, con l’intervista che il Presidente dell’Eurogruppo, Jean-Claude Juncker, ha rilasciato al quotidiano tedesco Tiroler Tageszeitung sulla possibilità che la Grecia lasci l’euro, con conseguente ritorno alla dracma. Pare che ci siano delle misure precauzionali nei confronti di Irlanda e Portogallo, mentre invece per Spagna e Italia si parla di una possibile richiesta di aiuto per l’utilizzo del fondo salva-stati. Nel nostro Paese tengono invece ancora banco le dichiarazioni del Premier Mario Monti sull’evasione fiscale. Secondo la Corte dei Conti le casse italiane ogni anno hanno un ammanco proveniente dal mancato pagamento delle tasse per circa 250-270 miliardi e i quasi 10 miliardi che saranno recuperati quest’anno sono una fetta ancora troppo piccola. A tal proposito Monti sta lavorando con la Svizzera affinché venga inserita una tassa molto salata sui depositi anonimi immessi da cittadini italiani nella rete bancaria svizzera, proprio come già succede per i cittadini tedeschi. Sempre in tema di evasori fiscali, ampio spazio viene dato all’arresto di Salvatore Melone, noto imprenditore e indipendentista sardo, per una frode fiscale per una mancata dichiarazione di circa 6 milioni di euro di reddito e oltre 300 mila euro di Iva non versata. Si parla poi ancora del caso dell’Ilva di Taranto: è stato trovato l’ accordo tra Governo e il presidente della società, Bruno Ferrante, che ha annunciato lo stanziamento di ben 146 milioni di euro per la bonifica dell’area. È stato quindi respinto il rischio di veder chiuso lo stabilimento tarantino con enorme soddisfazione da parte del Ministro per lo Sviluppo, Corra Passera, e di quello dell’Ambiente, Corrado Clini.

Dall’estero arrivano aggiornamenti sul caso delle Pussy Riot, gruppo punk russo che aveva dato vita a uno show musicale all’interno della cattedrale di Mosca cantando una canzone in cui richiedeva l’intervento della Vergine Maria al fine di scacciare Putin. Per loro è arrivata una sentenza di due anni di carcere inflitta alle cantanti che nel frattempo hanno dato vita a una nuova canzone anti Putin. Usa e Ue hanno ufficialmente criticato quanto sta succedendo a Mosca. A Londra, invece, c’è ancora tensione per la presenza di Julian Assange nell’ambasciata ecuadoriana: l’uomo infatti non può uscire, in quanto verrebbe subito arrestato per essere estradato e processato in Svezia per abuso su minore, cosa che ha portato l’uomo a tenere una sorta di conferenza via internet, sostenendo che la sua presenza nel palazzo dell’Ambasciata ecuadoriana risulterà essere molto più duratura di quanto si aspettava. In Siria infine, la situazione risulta essere ancora molto tesa, con famiglie costrette a scappare per evitare la morte.

Tornado all’Italia, il Ministro degli Interni, Anna Maria Cancellieri, ha varato una commissione speciale che avrà il compito di vigilare su possibili infiltrazioni mafiose nelle gare di appalto per la ricostruzione post terremoto in Emilia Romagna. La commissione sarà presieduta dal super investigatore della Procura di Palermo, Cono Incognito, coadiuvato dal Generale dei Carabinieri Luigi Curatoli. A Palermo, invece, è stata bloccata la produzione del latte di capra, per il semplice fatto che questo conteneva una quantità di diossina, ovvero la sostanza rilasciata dalla combustione dei rifiuti organici, superiore ai valori consentiti, facendo quindi scattare lo stato di quarantena in diversi allevamenti, mentre la situazione risulta essere migliore per quanto riguarda i pozzi d’acqua potabile, i quali non sono stati affatto contaminati da tale sostanza. Continua anche l’emergenza degli incendi causati dai piromani, i quali hanno incendiato un ettaro di bosco presente a Milano: soltanto grazie l’intervento dei pompieri, i quali hanno lavorato tutta la notte, alcuni animali, compresi diversi cavalli, sono stati portati in salvo, evitando quindi che questi potessero rimanere vittime dell’accaduto; diversa invece la situazione a Marina di Grossetto, dove un incendio ha ucciso diciannove cavalli presenti nel maneggio “Valle Natura”.

Per quel che riguarda la cronaca nera, in poche ore tre uomini sono morti annegati. Un quarantaduenne di origine marocchina è morto nel fiume Brembo in provincia di Bergamo. L’uomo pur non sapendo nuotare non ha esitato a tuffarsi per salvare la sua bambina. La piccola è stata invece salvata da un pescatore che è riuscito a portare anche il padre a riva ma l’uomo non ce l’ha fatta ed è morto due ore dopo. Muore invece, nel tentativo di salvare la nipote in pericolo nelle acque del Po a Carmagnola, un marocchino di 53 anni. Il suo corpo è stato trovato dopo ore di ricerca mentre le condizioni della ragazza non sarebbero essere gravi. Un altro uomo è morto annegato nel fiume Adda in una zona di confine. Il cadavere è rimasto 5 ore a riva poiché non si riusciva a stabilire di chi fosse la competenza di quel tratto.

Spazio anche per la cronaca rosa e il gossip: il Principe William ha salvato due sorelle in difficoltà nelle acque del Galles a bordo di uno degli elicotteri del Raf. Secondo le indiscrezioni sarebbe oggi il famoso giorno in cui Brad Pitt e Angelina Jolie dovrebbe sposarsi a Correns, in Versilia. Dopo 7 anni di fidanzamento e 6 figli i due sembrano aver messo la testa a posto. Il lugo è stato assediato da paparazzi e curiosi e tutti gli indizi porterebbero a pensare che le famose nozze si svolgeranno proprio oggi. Molte mamme vip sfoggiano i loro pancioni sulle spiagge e sulle copertine di tutta Italia. Tra le neo-mamme Alessia Fabiani, Raffaella Fico, Tania Zampano e Martina Stella che aspetta un figlio dal 23enne Gabriele Gregorini.

Si parla infine del grande caldo (dopo Caligola arriva l’anticiclone africano Lucifero) e delle vacanze low cost: molti italiani hanno rinunciato a fare le vacanze, scegliendo quindi di passarle a casa, mentre molti altri hanno rinunciato ad andare in Sardegna, a causa anche dei prezzi elevati dei traghetti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori