DON GIUSSANI/ Nell’ottavo anniversario della morte, le Messe di suffragio in tutto il mondo

- La Redazione

In occasione dell’ottavo anniversario della morte di don Luigi Giussani e del 31esimo anniversario del riconoscimento pontificio di CL, nel mondo vengono celebrate numerose Messe

ChieffoGiussaniR439
Immagine di archivio

In occasione dell’ottavo anniversario della morte di don Luigi Giussani, avvenuta il 22 febbraio 2005, e del trentunesimo anniversario del riconoscimento pontificio della Fraternità di CL (11 febbraio 1982), vengono celebrate come ogni anno Messe che sono presiedute da Cardinali e Vescovi in Italia e nel mondo, secondo questa intenzione: “Chiediamo la Grazia, nell’Anno della Fede, di una conoscenza e affezione sempre più profonde a Cristo attraverso la sequela intelligente e appassionata del carisma di don Giussani nella vita della Chiesa, al servizio dei nostri fratelli uomini”. L’elenco delle celebrazioni è consultabile sul sito www.clonline.org. Tra queste, vengono in particolare segnalate: 10 febbraio, New York, S.E. card. Timothy Dolan; 12 febbraio, Milano, S.E. card. Angelo Scola, ore 21, Duomo; 21 febbraio, Genova, S.E. card. Angelo Bagnasco, ore 21.15, chiesa di Santa Marta; 21 febbraio, Madrid, S.E. card. Antonio María Rouco Varela; 22 febbraio, Vienna, S.E. card. Christoph Schönborn; 22 febbraio, Barcellona, S.E. card. Lluis Martinez Sistach; 23 febbraio, Pretoria, S.E. mons. William Slattery; 23 febbraio, Amman, mons. Giorgio Lingua, nunzio in Giordania; 26 febbraio, San Paolo, S.E. card. Odilo Scherer; 3 marzo, Nairobi, S.E. card. John Njue. Il 6 febbraio scorso, ricevendo in Udienza i partecipanti all’Assemblea Generale della Fraternità sacerdotale di San Carlo Borromeo, Benedetto XVI ha voluto ricordare don Giussani con queste parole: “Ho conosciuto la sua fede, la sua gioia, la sua forza e la ricchezza delle sue idee, la creatività della fede. È cresciuta una vera amicizia; così, tramite lui, ho conosciuto anche meglio la comunità di Comunione e Liberazione”. Subito dopo, rivolgendosi a don Julián Carrón, presidente della Fraternità di CL, ha detto del Movimento: “E sono lieto che il successore sia con noi; che continua questa grande opera e ispira tante persone, tanti laici, donne e uomini, sacerdoti e laici, per collaborare alla diffusione del Vangelo, alla crescita del Regno di Dio”. 

In una recente lettera agli iscritti alla Fraternità di CL, don Carrón ha scritto: «Affinché la nostra vita possa essere così cambiata, occorre la nostra disponibilità alla conversione, cioè alla sequela, secondo l’invito di don Giussani: “La sequela è il desiderio di rivivere l’esperienza della persona che ti ha provocato e ti provoca con la sua presenza nella vita della comunità, è il desiderio di partecipare alla vita di quella persona nella quale ti è portato qualcosa d’Altro, ed è questo Altro ciò cui sei devoto, ciò cui aspiri, cui vuoi aderire, dentro questo cammino”. (…) Ricordando che “a nulla fuorché a Gesù il cristiano è attaccato” (don Giussani), aiutiamoci a camminare dentro la memoria di Lui, obbedendo alla voce del Mistero che ci chiama attraverso quel grande testimone che è Benedetto XVI. Se ci risparmiassimo questo che è “il” lavoro della vita, mancheremmo al compito della testimonianza per cui il Signore ha suscitato il carisma del movimento nella Chiesa».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori