GESU’/ Lo storico: non è mai esistito, è un personaggio mitologico

- La Redazione

Gesù Cristo non è mai esistito perché nessun autore dell’epoca ne ha mai parlato. Lo sostiene lo studioso Michael Paulkovich, convinto che si sia trattato solamente di una “leggenda”.

Croce-Crocifisso-defunti-lapide-cimitero-dolore-sofferenza
(InfoPhoto)

Gesù Cristo non è mai esistito. Lo sostiene lo studioso americano Michael Paulkovich, convinto che si sia trattato solamente di una “leggenda”. A sostegno della sua tesi, lo scrittore ha preso come riferimento 126 autori vissuti tra il primo e il terzo secolo dopo Cristo, i quali “avrebbero dovuto sentir parlare di Gesù, ma non avvenne”, visto che nessuno di loro lo menziona negli scritti rinvenuti, e quindi “devo concludere che Cristo è un personaggio mitologico”. L’unico riferimento a Gesù di Nazareth, prosegue Paulkovich, appare in uno scritto dello storico romano Giuseppe Flavio del 95 dopo Cristo: si tratta del “Testimonium flavianum”, un breve passo in cui si parla della predicazione e della morte di Gesù. Paulkovich, come altri storici, sostiene che questo passo sia stato inserito successivamente, in epoca cristiana, e che dunque si tratti di una falsificazione. Ma Paulkovich non si ferma qui e arriva a sostenere che nella Bibbia persino san Paolo non si riferisce mai a Gesù come a una persona reale. “San Paolo non sa niente della Vergine Maria e della natività di Gesù, dei suoi miracoli, degli apostoli, del tradimento, del processo e della passione”. Paolo, afferma ancora, “considera la crocifissione come una metafora”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori