FILM SULL’ABORTO A SCUOLA/ Caro prof, vedere la violenza della morte non ci rende migliori

- Paola Bonzi

In una scuola superiore di Milano, un docente di religione ha fatto vedere agli studenti il film antiabortista “Il grido silenzioso”, suscitandone le proteste e l’indignazione. PAOLA BONZI

feto_aborto_gravidanzaR439
Un feto (InfoPhoto)
Pubblicità

Davvero una meraviglia questa immagine di vita umana! Otto settimane e la morula (cellula derivante dall’unione dei due gameti maschile e femminile) è diventata un bambino. Certo, un bambino molto piccolo ma chi avrebbe il coraggio, guardandolo, di negarne l’identità?

Mi capita spesso al Centro di Aiuto alla Vita Mangiagalli di mostrare queste immagini tutte condensate in un fascicolo della mia grande amica Lucia Barocchi che mostrano passo dopo passo lo sviluppo intra-uterino. Si tratta di fotografie che un esperto fotografo ha ottenuto inserendo diverse camere fotografiche in altrettanti uteri materni seguendo lo sviluppo della gestazione. Quando una donna pensa di abortire, capita frequentemente che davanti a quelle fotografie scoppi in lacrime copiose.

“Non me lo sarei mai immaginato così; come è bello!” La bellezza, infatti, è qualcosa di estremamente commovente. Sembra impossibile che quella prima cellula, derivante dall’unione dei due gameti, si sia moltiplicata, per volontà propria, all’insaputa della madre stessa, per miliardi di volte. E come si è moltiplicata bene! Guardare le cose belle mette la gioia nel cuore e spesso impedisce alle gestanti il pensiero di annullare la vita. Siamo attorniati da bellezze naturali e artistiche e tutto ciò ha il senso di rendere piacevole la vita.

Pubblicità

Ogni tanto mi trovo a pensare che il mondo sarebbe potuto essere in bianco e nero, i fiori senza profumo, i bambini senza il sorriso negli occhi. Sarebbe un mondo molto impoverito e anonimo. Rifletto su tutto ciò pensando all’insegnate di religione che ha voluto, forse anche senza chiederne il permesso, proiettare quel terribile film dal titolo Il grido silenzioso. Nei primi anni 80 questa pellicola riceveva molti consensi ed era proiettata in numerosissime scuole. Sono sempre stata considerata una “balorda” poiché sempre in disaccordo con queste modalità. Per onore di cronaca, un aborto chirurgico non occupa tutto il tempo che il filmato propone e la voce guida che indica i pezzetti di questo piccolino tirato fuori dall’utero materno, è davvero molto caricata. Al di là di tutto, continuo a non comprendere perché mostrare ciò che è orribile al posto di ciò che è magnifico.

Lo sviluppo di un bambino nell’utero materno è davvero “impressionante” per la sua bellezza; è il miracolo della vita che si sviluppa indipendentemente dai nostri desideri e dai nostri voleri. L’energia vitale ci commuove; questo piccolo bimbo riempie i nostri occhi e il nostro cuore delle cose più belle.

Pubblicità

Perché allora, quando esistono cose così fantastiche, noi mostriamo quelle più orribili? Il bambino, il fanciullo, il pre-adolescente, l’adolescente devono prepararsi ad affrontare la vita perché fatta delle cose più belle. Abbiamo proprio bisogno di provocare sentimenti di orrore? Mi sembra quasi di individuare una nota di sadismo perché si infili nelle pieghe dei comportamenti umani.

E’ con la paura, lo sbigottimento, il terrore psicologico che impediremo le scelte sbagliate?

Alla Mangiagalli esiste un reparto per i bambini nati prematuri, dove si procurano carezze, cioè cose buone! Addirittura è stato acquistato un robot che prepari sapientemente le terapie per i piccoli pazienti perché le affettuose infermiere possano usare quel tempo risparmiato per regalare tocchi di bontà e di affetto. L’uomo, per realizzarsi come tale, non deve essere terrorizzato dalle negatività ma, al contrario, bisogna che si innamori di ciò che è bello, colorato, profumato per poterne godere. Chi non ricorda, anche in età anziana, il profumo della pelle di un neonatino? Secondo me questo è uno dei ricordi che ci accompagneranno lungo la vita, perché la vita dei piccoli bimbi è purezza e innocenza. Affasciniamo i giovani con queste realtà positive senza pretendere che la paura impedisca di compiere atti sbagliati.

E il buon Dio che cosa ci sta a fare? Potrebbe, se volesse, trovare il modo per far diventare tutto grigio e senza profumo. Noi siamo stati creati per essere uomini e donne libere, liberi anche di compiere azioni che ci allontanino da Lui. Genesi cap. 3, è già stato scritto; è stato infatti redatto dalla tradizione javista, circa 3mila anni fa. Il Creatore della verità e della bellezza ha permesso che ci ingannassimo e che ci sentissimo nudi. E’ venuto comunque a cercarci pur bugiardi che fossimo stati. Chi siamo noi per negare la libertà convinti di poter usare anche il male pur di affermare le nostre verità? Cerchiamo ciò che nella vita è bello e questo ci farà innamorare della verità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori