DIARIO DEL GUSTO/ Maggio, novità culinarie e tendenze a tavola

- Paolo Massobrio

PAOLO MASSOBRIO racconta le novità culinarie e le tendenze del mese di maggio, con l’importante uscita del libro “Amati. volersi bene mangiando” di Silvio Spinelli.

amati_copertina
copertina del libro AMATI

Verrà Maggio. Quante canzoni popolari declamano questa promessa, che è poi un passaggio definitivo verso l’Estate.

In Maremma, dove dal 16 al 18 maggio si tiene Passione Maremma Wine&Food Shire (www.passionemaremma.it) c’è un gruppo musicale, i Briganti della Maremma, che produce un calendario che va da maggio a maggio. Ma al di là della solarità che porta con sé questo mese, maggio è anche metafora di una ripresa.

C’è o non c’è? Gli indicatori, pur timidi, dicono che il gigante Italia si sta svegliando dal sonno e a Pasqua i movimenti turistici sono stati confortanti, anche se qualcuno ha rilevato che i ponti che vanno da Pasqua al 5 di maggio ci hanno fatto perdere un punto del Pil. Dal mio piccolo osservatorio, scopro che in questo periodo sono state scaricate tantissime app del mio “Il Golosario ristoranti”, come non si vedeva da tempo.

E la gente torna nei ristoranti, pur stando attenta al prezzo. Per questo il doppio locale (persino Dolce & Gabbana aprono il loro secondo a Milano) è diventato una tendenza, che fra poco sarà persino esagerata. Davide Scabin, dall’alto del castello di Rivoli è sceso a Ivrea, per aprire una trattoria del gusto che ha denominato Blupum (tel. 3333146158). Divertente. Ma intanto Torino, vera e propria città turistica, non rinuncia al Cambio (tel. 011546690), che era la mensa del conte di Cavour e che col Salone internazionale del Libro è in grande spolvero, grazie alla cucina di Matteo Baronetto. E a proposito di Salone del Libro, che quest’anno ha come tema il bene e l’ospite d’onore sarà la Città del Vaticano, nel giorno del debutto, l’8 maggio ha in calendario la presentazione di un libro, in Sala Rossa alle 14, dal titolo esemplificativo: Àmati! ovvero come curarsi mangiando.

Al Lingotto a Torino mi troverete ogni giorno a discutere nelle spazio “Tentazione e Meditazione” col cioccolato abbinato a bevande adeguate, dialogando col presidente dell’Accademia della Cucina Giovanni Ballarini, con Alessandro Meluzzi, oppure con un cuoco come Andrea Virgilio della Barca di Rho che ha scritto il libro “Cucina a 2 piazze” dedicato alla filosofia culinaria applicata per le coppie. E poi la presentazione dei libri di Giovanni Storti “Corro perché mia mamma mi picchia” e di Federico Ferrero vincitore di Masterchef, sulla leggerezza.

Mentre nello spazio Casa CookBook, ogni ora e per cinque giorni, si alterneranno cooking show, secondo una legge del consenso e dell’interesse che dalla tivù passa dalle librerie e arriva dentro alle fiere. Cibo e benessere, insomma, sono il leit motiv di questa ripresa, che riguarda un po’ anche l’Expo, visto che gli stili di vita sono considerati tema portante, come si evince dal Magazine del Padiglione Italia, che debutta il 1° maggio a un anno dall’evento tanto atteso.

L’Expo che racconterà il Magazine sarà anche quello dei territori italiani: della Maremma o del Monferrato, oppure di quel punto del Golfo di Venezia che si chiama Riccione dove a fine maggio e il 1° e 2 giugno, col vessillo della tipica cabina di legno di questa città, ambienteremo una Golosaria divertentissima, nel palacongressi di questa cittadina della qualità.

E ci sarà anche una tappa, a Golosaria, di Bread Religion, ovvero i panini d’autore dei grandi chef del circondario, con la farina Petra del celebre Molino Quaglia di Vighizzolo d’Este. Insomma un mese impegnativo che inizia già da questa domenica a Castrocaro Terme, con un incontro nella Terra del Sole, a sondare le eccellenze intorno a Forlì e Cesena. L’Italia si sta risvegliando. Potete giurarci!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori