SANTO DEL GIORNO/ Il 16 maggio si celebra San Brendano di Clonfert

- La Redazione

San Brendano di Clonfert, anche noto come Brandano o Brendano il Navigatore o il Viaggiatore, è stato un abate irlandese, vissuto nel VI secolo

infophoto_2012-06-30_croce_santo_del_giorno_R439
(InfoPhoto)

Il 16 maggio di ogni anno la Chiesa Cattolica Romana commemora e ricorda la figura di San Brendano di Clonfert noto anche con il nominativo di Brendano il Viaggiatore, che nel corso della propria vita terrena è stato un abate attivo nell’opera di evangelizzazione nel corso del VI secolo nelle isole britanniche. Non si conoscono notizie certe sul periodo esatto nel quale San Brendano di Clonfert è nato e quindi vissuto. Nello specifico ci sono due correnti di pensiero che prendono spunto da ricostruzioni storiche per mezzo delle quali si è individuata una possibile data di nascita. La prima supposizione prevede che San Brendano di Clonfert sia nato nel 460 d.C. mentre la seconda avrebbe individuato nel 484 e quindi ben 24 anni più tardi, la possibile data di nascita. Non collimano nemmeno le ricostruzioni riguardanti la data della morte ossia c’è chi ipotizza il 577 e chi invece il 583. La cosa certa oltre al luogo di nascita che è stato individuato in Fenit, cittadina che oggi si trova nel territorio della Repubblica d’Irlanda e per la precisione nelle Contea di Kerry, e quello di morte individuato in un luogo chiamato Amaghdown sempre nell’isola britannica, è il fatto che San Brendano di Clonfert abbia avuto una vita piuttosto lunga oltre che piena di leggendari racconti che parlano delle sue opere di evangelizzazione. Infatti, stando alle date sopra indicati quanto meno San Brendano di Clonfert è vissuto 93 anni. I maggiori riferimento relativi alla vita di San Brendano di Clonfert e alle leggende a essa corredate sono state riportate nel corso dei secoli grazie a un testo scritto intitolato “Navigatio sancti Brendani”. Testo che è stato scritto intorno all’anno 1000 da un autore irlandese del quale non si conosce il nome e che quindi è basato sui racconti riportati di generazione in generazione a voce. Il padre di San Brendano di Clonfert si chiamava Find Loga e secondo la tradizione egli è stato battezzato nella cittadina di Tubrid sempre nel territorio dell’attuale Irlanda, per mano di un uomo chiamato Sant’Erc del Kerry. Proprio quest’ultimo avrà un ruolo importante nella formazione culturale e religiosa di San Brendano di Clonfert in quanto oltre a seguirlo nel proprio percorso lo ordinò sacerdote intorno al 512. Tra l’altro nella famiglia di San Brendano di Clonfert non è stato soltanto lui a essere innalzato alla gloria della canonizzazione ma anche la sorella Santa Brige che viene commemorata il 7 gennaio. San Brendano di Clonfert è uno dei cosiddetti 12 apostoli dell’Irlanda ossia dei clerici irlandesi che studiarono presso la scuola monastica di Clonard dove poterono conoscere tutto il possibile sulle sacre scritture bibliche. 

Secondo quando viene evidenziato da alcuni testi che parlano di questo periodo storico, tra il 512 ed il 530 San Brendano di Clonfert ebbe modo di dare una importantissima impronta nel processo di conversione dell’Irlanda fondando ed erigendo diverse chiese e monasteri in svariati posti come Ardfert, Aleth e soprattutto in una località ubicata i piedi del monte Brandon dal quale, secondo gli scritti, ebbe inizio il suo leggendario viaggio evangelico. 

Nel 559 fondò il monastero di Clonfert nell’attuale contea di Galway e che fungeva anche da scuola arrivando a toccare il numero di 3 mila ‘iscritti’. Il culto di San Brendano di Clonfert è diffuso non solo nelle isola britannica ma anche nelle Fiandre e viene celebrato il 16 maggio con una simbolica scalata verso il monte Brandon, dal quale come detto ebbe inizio il famoso viaggio. Viaggio che stando a quanto riportato nella “Navigatio” e che quindi fa parte della tradizione, San Brendano di Clonfert fece nell’Oceano Atlantico insieme a 60 compagni di viaggio alla ricerca dell’Eden che nella credenza popolare veniva localizzato sull’immaginaria isola dei Beati. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori